MotoGP Esponsorama Avintia

MotoGP: Tolleranza zero da Avintia Esponsorama dopo il falso test PCR

Avintia Esponsorama Racing prende posizione dopo la falsificazione del test PCR da parte di uno dei membri del team. Il comunicato.

19 ottobre 2021 - 21:35

Arriva un comunicato ufficiale dal team Avintia Esponsorama Racing dopo la notizia della falsificazione di un test PCR da parte di uno dei membri della squadra MotoGP. Tolleranza zero nei confronti di chi ha commesso l’infrazione, come si conferma nettamente nella presa di posizione ufficializzata. Riportiamo integralmente il comunicato al riguardo, pubblicato in serata.

“Da Avintia Esponsorama Racing ci dichiariamo totalmente conformi a tutte le misure prese da Dorna e IRTA, a cui aderiscono tutti i membri del team. Compresi meccanici, tecnici, familiari, sponsor o qualsiasi altra persona vicina alla squadra. Siamo per questo obbligati a prendere provvedimenti disciplinari specifici e chiudere ogni rapporto con chi ieri ha senza successo falsificato un test PCR per accedere al paddock di Misano per il prossimo GP. 

La squadra è indirettamente responsabile dei costi per tutte le misure eccezionali dovute al protocollo Covid-19 attuate verso tutti i suoi collaboratori. Sappiamo che l’intenzione era di trarre un proprio beneficio, mettendo a rischio il resto delle persone della squadra e nel campionato. Questi comportamenti non solo danneggiano l’immagine del team, ma anche il resto del paddock ed il campionato per intero. 

Vogliamo chiarire che è responsabilità di ogni persona della squadra di garantire i test ed il proprio accesso su una piattaforma online di ogni circuito, seguendo le linee guida attualmente in atto. Avintia Esponsorama Racing vuole scusarsi e ringraziare sia Dorna che IRTA per tutti gli sforzi fatti al fine di garantire la sicurezza nel paddock, permettendo lo svolgimento del campionato.” 

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022