marc marquez motogp 2019

MotoGP, Thailandia: Primo match point per Marc Márquez

Marc Márquez, missione titolo in Thailandia. Bastano appena due punti per chiudere definitivamente i giochi in una stagione nettamente dominata.

1 ottobre 2019 - 15:22

Arriviamo al primo appuntamento del tour asiatico, con Marc Márquez che può coronarsi campione 2019. Gli bastano appena due punti per festeggiare l’ottavo iride in carriera. La prima occasione arriva al Buriram, un tracciato sul quale nel 2018 lui e Andrea Dovizioso hanno dato vita ad un gran duello per la vittoria, andata al catalano per un decimo. Anche se i numeri sono (ampiamente) dalla sua parte, Marc Márquez vorrà celebrare al meglio il titolo 2019. Quale miglior modo quindi se non con un nuovo successo?

Si tratta dell’ennesimo dominio del ragazzo di Cervera, che quest’anno ha davvero dimostrato di non avere rivali. In 14 GP ha ottenuto otto vittorie, un solo ritiro ad Austin (è caduto quand’era nettamente al comando), tutti gli altri risultati sono secondi posti. Difficile contrastare così il nuovo fenomeno del Motomondiale, che più di una volta ha lasciato solo le briciole ai rivali, tenuti a debita distanza. In 200 gare mondiali, festeggiate ad Aragón, ha vinto 78 volte (il quarto di sempre), per un totale di 129 podi. A questo aggiungiamo 89 pole position e 69 giri veloci in gara.

Come sempre però, il campione di Cervera non vuole sbilanciarsi, mantenendo alta la concentrazione per il premio più importante. Le intenzioni sono sempre molto chiare. “Abbiamo disputato un gran fine settimana ad Aragón” ha dichiarato, ricordando il netto successo di due settimane fa. “Fantastico vincere davanti al pubblico di casa.” Ora si volta pagina: “Il nostro approccio non cambia, faremo il nostro lavoro per essere competitivi domenica. L’anno scorso abbiamo disputato una gara emozionante, speriamo di mettere in piedi un altro spettacolo per i tifosi!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Sumi: “Sulle gomme di Rossi dobbiamo capirci meglio”

razali stigefelt petronas srt

Razlan Razali (Petronas SRT): “Yamaha contenta del nostro lavoro”

MotoGP, Valentino Rossi e Danilo Petrucci

MotoGP, mercato piloti: Ducati-Yamaha destini incrociati