alex rins motogp

MotoGP, Alex Rins: “Le prossime gare come una ‘ripartenza’”

Il team Suzuki pronto per il tour asiatico: Alex Rins e Joan Mir vogliono essere protagonisti al Buriram. Davide Brivio: "Ormai siamo competitivi ovunque."

2 ottobre 2019 - 21:47

Lasciata alle spalle una difficile tappa ad Aragón, il Team Suzuki Ecstar si prepara al lungo tour asiatico. Alex Rins e Joan Mir sono pronti per vivere un fine settimana da protagonisti in Thailandia. Il primo vuole mantenere il terzo posto in classifica iridata, che ora detiene con un solo punto di vantaggio su Petrucci. Il secondo, ora perfettamente recuperato fisicamente, cerca un altro risultato che dimostri i continui progressi nella sua stagione da rookie.

Particolarmente ottimista Davide Brivio, che vede il tracciato thailandese adatto alla Suzuki ed è sicuro che i suoi piloti possano ottenere buoni risultati questo fine settimana. “Siamo competitivi ovunque adesso” ha sottolineato il Team Manager della squadra di Hamamatsu. “Non c’è quindi alcuna ragione per cui questo circuito non possa adattarsi alla nostra moto. Ci stiamo avviando verso la fine della stagione, quindi vogliamo mostrarci veloci e finire al meglio il 2019 con entrambi i nostri piloti.”

Alex Rins, solo nono ad Aragón dopo un incidente in gara a Misano, punta a migliorare sensibilmente il sesto posto ottenuto l’anno scorso al Buriram. La sua è finora una stagione ricca di alti e bassi, ma come detto al momento è 3° in classifica iridata. “Un peccato per me non essere stato in grado di ottenere i risultati di cui sono capace negli ultimi due round” ha dichiarato. “In un certo senso però ora ‘ripartiamo’ con le gare asiatiche. Nonostante i recenti risultati, mi sento molto forte e spero di fare bene questo fine settimana. L’atmosfera in Thailandia è sempre pazzesca, con tanti fan presenti! Sarà emozionante.”

Joan Mir è ora perfettamente recuperato dall’importante incidente occorsogli a Brno. Ha corso al Chang International Circuit per la prima volta nel 2018, quand’era ancora in Moto2. La sua gara non è stata fortunata, visto che si è chiusa subito per un incidente. “Come tutti, ho guidato una sola volta su questo tracciato” ha detto il rookie spagnolo. “L’anno scorso avevo un buon ritmo, ma sono caduto alla prima curva. Spero di poter mostrare la stessa competitività e continuare ad avere sempre buone sensazioni con la GSX-RR. Sarà una gara difficile per via delle alte temperature, ma la nostra Suzuki può fare bene. Darò il massimo.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

brad binder

Moto2, Motegi: Prove 1, Brad Binder in evidenza

lorenzo dalla porta

Moto3, Motegi: Prove 1, Lorenzo Dalla Porta 1° con caduta

Gigi Dall'Igna

MotoGP, Gigi Dall’Igna: “A Valencia una Ducati completamente nuova”