marquez motogp

MotoGP Teruel, Prove 1: 1-2 Honda con Alex Márquez e Nakagami

FP1 nel segno delle Honda. Alex Márquez stampa il miglior crono, finendo con una scivolata. Segue Takaaki Nakagami, 3^ la Suzuki di Mir a precedere Bradl.

23 ottobre 2020 - 11:47

Piloti Honda in bella evidenza in questa prima sessione di libere del GP di Teruel. In testa alla classifica si piazza il rookie Alex Márquez (con scivolata) a precedere l’alfiere LCR Takaaki Nakagami. Il nuovo leader MotoGP segue in terza piazza, top 4 completata da Stefan Bradl. Gli alfieri della casa dell’ala dorata una volta di più appaiono in crescita, mentre per quanto riguarda le Ducati troviamo il solo Miller in top ten. Indietro anche Quartararo, solo 17° in queste FP1.

Le temperature sono un po’ più ‘calde’ rispetto a quanto incontrato la scorsa settimana, come conferma anche Piero Taramasso di Michelin. “Stavolta abbiamo anche molti più dati, raccolti la scorsa settimana” ha dichiarato a motogp.com. “Riteniamo che la combinazione migliore per questo GP sia morbida-media, ma forse vedremo anche qualcuno provare la dura anteriore.” Ipotizza Crutchlow, Aleix Espargaró o Alex Márquez per quest’ultima prova.

Partono forte le Honda: Nakagami, fresco di rinnovo, si porta presto davanti, seguito dal campione Moto2 in carica e dal nuovo leader MotoGP Mir (unici in 1:48). Problemi tecnici invece per Crutchlow, che a pochi minuti dalla bandiera a scacchi è costretto a parcheggiare la sua RCV. Sul finale Alex Márquez esce con gomme nuove ed inanella una serie di giri che lo portano davanti. Non manca anche una scivolata, ma nessun gli toglie il piazzamento. Takaaki Nakagami chiude secondo, top 4 Honda divisa solo da Joan Mir, che si inserisce in terza piazza davanti a Stefan Bradl.

La classifica

Foto di copertina: Repsol Honda

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Herve Poncharal

Hervé Poncharal: “Tech3 in MotoGP fino al 2026”

binder motogp

MotoGP, fratelli vincenti: dai Milani ai Binder, tutti i vincitori di GP

MotoGé, Franco Morbidelli pilota Yamaha Petronas

MotoGP, Franco Morbidelli: una Yamaha factory? No, grazie