MotoGP, Davide Tardozzi

MotoGP, Tardozzi: “Ci aspettavamo di più da Dovizioso”

Davide Tardozzi non nasconde la sua delusione per il 6° posto di Andrea Dovizioso nel GP di Jerez di MotoGP. Ad agosto si decide: rinnovo o addio.

28 luglio 2020 - 16:29

Il sesto posto di Andrea Dovizioso a Jerez/2 ha un po’ il sapore della disfatta. Le GP20 del team Ducati Pramac hanno mostrato prestazioni interessanti, su cui stanno lavorando i piloti factory per trovare delle soluzioni. La stagione MotoGP non è già alle ortiche per la casa di Borgo Panigale, eppure c’è l’impressione di una pressione troppo gravosa sul forlivese, che tra l’altro è ancora senza contratto.

C’è aria di divorzio tra le parti, con il Dovi che rischia un anno sabbatico o addirittura l’addio alle corse. Esclusa l’opzione KTM nei mesi scorsi, non ci sono altre selle vuote che gli garantirebbero di combattere al fronte. Brno e Austria sono gli esami di “maturità”, in caso di bocciatura il tavolo delle trattative salterà definitivamente per dare vita ad una sfida per la sua sella. Davide Tardozzi, team manager Ducati Corse, non nasconde l’amarezza per il passo indietro rispetto alla settimana prima. “Direi che il risultato complessivo è decisamente negativo. Ci aspettavamo qualcosa di più da Dovi, che sono assolutamente sicuro possa lottare per il titolo MotoGP“.

Brno e Red Bull Ring saranno banchi di prova fondamentali, qui si decide il destino stagionale del team emiliano e di Andrea Dovizioso. “Non decideremo sul pilota ufficiale Ducati fino a dopo le gare di agosto. Per quanto riguarda Dovi, quando mancano i risultati, non è mai colpa di nessuno. Il pacchetto vince e il pacchetto perde – ha concluso Tardozzi -. C’è sempre una componente moto, pilota e squadra. C’è sempre un po’ di tutto“. Ma a farne le spese potrebbe essere solo il vicecampione del mondo di MotoGP, che paga da tempo una mancanza di fiducia dopo le ultime tre fantastiche stagioni insieme.

5 commenti

Max75BA
9:52, 29 luglio 2020

…capitolo piloti Ducati, ne hanno 5 in questo momento con Petrux in uscita…mi sembra ovvio che Dovi dovrebbe rappresentare il presente e Bsgnaia il futuro…su Miller, Zarco…non mi danno molta fiducia e pescare un jolly alla Stoner ci vuole gran fiuto…speriamo che finisca l’autolesionismo della Ducati sui piloti…

fabu
17:37, 28 luglio 2020

“il pacchetto vince e il pacchetto perde, c’è sempre una componente moto, pilota e squadra. C’è sempre un po’ di tutto“. eh si, i piloti vanno e vengono, le moto si trasformano, il management Ducati è sempre lì…

    Macx
    20:02, 28 luglio 2020

    Infatti anche noi ci aspettavamo meno cazzate dalla trimurti ducati, dom ciabatta e tardone……………….

    Macx
    20:01, 28 luglio 2020

    Infatti anche noi ci aspettavamo di piu dalla trimurti domenicali ciabatta e tardone

      Mattia B.
      11:55, 29 luglio 2020

      al solito, ai mondiali siamo tutti allenatori, quando guardiamo la F1 siamo tutti DT Ferrari, adesso lo siamo anche per Ducati.
      Ad avercela gente come Tardozzi e Ciabatti e Domenicali seri appassionati ed in gamba.
      Stesso trattamento fu rivolto a Suppo, che adesso la stessa gente vorrebbe in Ferrari.
      Tutto ciò lo dico da grandissimo tifoso del Dovi.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Brno: Prove 3, come va Morbidelli! Segue Zarco, Rossi 5°

vinales motogp

MotoGP, Viñales rivela: “Da giorni con un piccolo infortunio”

fernandez moto3

Moto3, Brno: Raúl Fernández top nelle FP3, 15 piloti sanzionati