takaaki nakagami motogp

MotoGP, Takaaki Nakagami: “Sapevo che Pol Espargaró poteva adattarsi presto”

Takaaki Nakagami spera di aver chiuso il 'capitolo incidenti' a Losail. Per lui prove soprattutto di chassis nel mercoledì di test.

11 marzo 2021 - 8:15

È stato un mercoledì abbastanza incidentato per la truppa Honda (ma non solo). Tra i piloti in questa lista c’è anche Takaaki Nakagami, protagonista di una scivolata nella prima giornata di questo secondo round di test in Qatar. Ma il pilota giapponese in seguito ha continuato il suo programma di test, concentrandosi in particolare sul nuovo chassis e su qualche prova comparativa in tal senso. Per lui 50 giri a referto e la decima posizione in classifica iridata, ma tra gli obiettivi c’è anche quello di far sorridere un po’ di più il suo boss…

“La caduta è stata strana” ha raccontato Takaaki Nakagami a fine giornata. “Il grip non è male, ma c’è uno strano feeling alla gomma anteriore.” Passa poi a spiegare il perché di questa sensazione con questa particolare asimmetrica. “Il 70% della gomma è morbida, il 30%, cioè il lato destro, passa da soft a media. Nel punto in cui c’è quanto cambio, ogni volta che ho superato quel punto ho sentito un segnale d’avvertimento. La caduta è alla curva 1 è arrivata esattamente al punto in cui cambia la mescola.” Come detto, non l’unico pilota Honda a terra. “Ho visto che anche Bradl ed Alex sono caduti. Troppi incidenti negli ultimi due giorni…”

“Ma la gomma sembra un po’ complicata per tutti.” A referto oggi tra gli incidentati anche Viñales, Binder, Aleix Espargaró, Lecuona, Bradl, tutti senza gravi conseguenze. A parte questo, nuova giornata di test per Nakagami. “Ci siamo concentrati soprattutto sul nuovo chassis” ha sottolineato. “Per me è molto interessante e positivo. Abbiamo svolto anche alcune prove comparative con il telaio standard. C’è bisogno però di lavorare anche al posteriore e sul forcellone. Ci saranno molte altre nuove parti da provare ed ogni volta il feeling in moto migliora. Ma non posso più cadere con queste novità.”

Non mancano delle scuse. “Devo scusarmi con HRC. Nell’ultimo giorno di test sono caduto e ho distrutto tutto, anche la nuova carena. Devo calmarmi, sono già finito a terra due volte. L’ultima è stata abbastanza brutta, è stata ad alta velocità. Fortunatamente senza danni per me e per la moto.” Un pensiero anche a chi è nel box. “Anche Alex è caduto più volte. Lucio [Cecchinello] sta sorridendo meno. Spero di ottenere buoni risultati per renderlo felice!” Non manca una considerazione anche su Pol Espargaró. “Sapevo che poteva adattarsi molto presto alla Honda” ha rimarcato. “Giorno dopo giorno è più rapido. È bello vederlo in top 10 o top 5, per me è un buon segno.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Sandro Garbo celebra Rossi in fumetto “Il mio Vale regala sorrisi”

brad binder motogp

MotoGP, Brad Binder miglior KTM: “Quasi con il gruppo del podio”

canet moto2

Moto2: Aron Canet, l’emozione del primo podio in classe intermedia