Davide Brivio team manager Suzuki

MotoGP: Suzuki corteggia Avintia. Team satellite nel 2020?

20 febbraio 2019 - 13:15

Suzuki si pone due obiettivi a breve termine. Il primo è vincere almeno una gara dopo i nove podi nella stagione 2018. Il secondo è accelerare lo sviluppo della GSX-RR e per farlo serve un team satellite. La costituzione della Suzuki Racing Company servirà ad accelerare le decisioni tecniche, ma la decisione di mettere mano ad un team privato dovrà passare per Hamamatsu.

Suzuki punta sul team satellite

Per diversi anni si è sbandierato il progetto, l’anno scorso Suzuki era ad un passo dall’accordo definitivo con Marc VDS. Poi tutto è saltato per ragioni finanziarie e logistiche, oltre che per disguidi nel team belga. L’argomento ritorna di attualità nel team giapponese e stavolta le basi sembrano essere più solide. Il consiglio di amministrazione di Suzuki potrebbe tentare Avintia, che quest’anno corre con due Desmosedici GP18, e finalizzare per il 2020. “Nel nostro caso, questo deve essere deciso dal Giappone“, afferma il team manager Davide Brivio a Motorsport-Total.com. “Presto discuteremo la possibilità di un team di clienti e vedremo se riusciremo a farlo, vorremmo usare altre due moto per raccogliere il doppio di dati… Il presidente della Suzuki Racing Company dovrà convincere la Suzuki Motor Corporation“.

Obiettivo vittoria nel 2019

Suzuki Ecstar da quest’anno non avrà diritto alle concessioni. Sarà una sfida più stimolante, lottare ad armi pari con Honda, Yamaha e Ducati. L’ambizione è mettere i piedi sul gradino più alto del podio, dopo l’impresa riuscita a Maverick Vinales nel 2016 a Silverstone. L’anno dopo la squadra coordinata da Davide Brivio ha commesso un errore irrimediabile a livello di specifica di motore, rallentando l’evoluzione della moto. Andrea Iannone ha pagato lo scotto di questo ‘vuoto’ tecnico, ma l’ingaggio di Alex Rins fa parte della filosofia Suzuki. Un pilota di esperienza da affiancare ad un rookie, un approccio che fino ad oggi ha portato i suoi frutti. Inoltre stavolta la GSX-RR sembra aver lavorato attentamente su ogni area del prototipo: una nuova specifica del motore, un telaio rivisitato, alcuni miglioramenti all’elettronica e alla carenatura. Ricominciare da zero, ma senza stravolgere l’apparato tecnico precedente. “Crescere passo dopo passo, partendo da ciò che già abbiamo. La guidabilità della moto è un must per noi“, ha concluso Brivio. “Il primo e il più grande sogno che abbiamo è una vittoria del GP“.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

1 commento

MotoGP: Suzuki corteggia Avintia. Team satellite nel 2020? - Corse di Moto - Arcobaleno Sport
11:46, 1 marzo 2019

[…] MotoGP: Suzuki corteggia Avintia. Team satellite nel 2020?  Corse di Moto […]

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “La vittoria non è il primo obiettivo”

Valentino Rossi a Silverstone

Valentino Rossi salvato dal VAR: “Attenzione alla curva 17”

Jorge Lorenzo a Silverstone

Jorge Lorenzo ultimo a Silverstone. Puig: “Il collo fa male”