MotoGP: Suzuki al Red Bull Ring solo con Alex Rins

Suzuki in Austria solo con Alex Rins, determinato a fare bene. Davide Brivio: "Non una delle nostre piste preferite, ma la moto è migliorata rispetto al 2018."

8 agosto 2019 - 12:48

Team Suzuki dimezzato in occasione del Gran Premio d’Austria, di scena questo fine settimana a Spielberg. Joan Mir è a riposo dopo l’importante incidente a Brno, tutte le speranze quindi sono concentrate su Alex Rins, reduce dall’ottimo quarto posto di domenica scorsa. Il pilota spagnolo vanta un piazzamento sul podio in Moto2 nel 2016, mentre il miglior risultato in MotoGP è un 8° posto ottenuto l’anno scorso. In passato Suzuki ha accusato qualche difficoltà su questa pista, ma c’è maggiore ottimismo per quest’anno.

“Il Red Bull Ring non è forse tra i nostri tracciati preferiti, ma la moto è migliorata rispetto all’anno scorso” ha dichiarato Davide Brivio. “Siamo molto curiosi di vedere la differenza di performance in confronto al 2018. Nella passata stagione abbiamo avuto qualche difficoltà, ma siamo riusciti comunque a realizzare un buon fine settimana. Non si può prevedere in anticipo come andrà la gara finché non la disputiamo. Alex è in forma e sempre pronto per lottare per le prime posizioni. Ci dispiace molto non avere Joan con noi, ma speriamo si rimetta presto.”

“Spielberg è molto diverso da Brno” ha aggiunto Alex Rins. “Potremmo avere qualche problema in rettilineo e in frenata, ma la moto è cambiata molto rispetto all’anno scorso. La differente carenatura ed il nuovo pacchetto aerodinamico ci possono aiutare molto in Austria. Non vedo l’ora di cominciare, spero di poter conquistare un bel risultato per la squadra.” Non manca un pensiero per il compagno di box: “Mando i miei migliori auguri a Joan, spero che possa tornare presto in azione.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi

Valentino Rossi: politica, famiglia, Italia e popolo giallo

Romano Albesiano

MotoGP, Albesiano: “Andrea Iannone fatica ad adattarsi all’Aprilia”

Marc Marquez pilota Repsol Honda

Marc Marquez sfodera le nuove armi: telaio, ali e spoiler