MotoGP: Suzuki al lavoro su un telaio modificato

Suzuki si sta ormai ritagliando il suo spazio tra i primi in gara, in particolare con Alex Rins. I test al Montmeló sono serviti per cercare ulteriori miglioramenti.

19 giugno 2019 - 15:38

Quella realizzata lunedì in Catalunya è stata una giornata di test piuttosto intensa per la categoria MotoGP. Suzuki si è presentata con tre piloti, vale a dire Alex Rins, Joan Mir e Sylvain Guintoli, reduce dalla prima wild card stagionale (13° alla bandiera a scacchi). Tanto lavoro sulla GSX-RR, in particolare su un telaio modificato portato su questo tracciato, ma non solo.

Il tester della casa di Hamamatsu ha utilizzato il differente chassis già nel corso del Gran Premio, dando informazioni positive. Questa novità è stata poi provata durante i test da Rins, riscontrando un miglior feeling con la moto, in particolare in frenata. Lo spagnolo e Guintoli hanno continuato a lavorarci su, oltre a testare elettronica, ergonomia ed una nuova gomma portata da Michelin. Test differenti per il rookie Mir, che si è concentrato su setting e sospensioni, oltre a perfezionare il proprio stile di guida ed altre piccole cose.

“Abbiamo raccolto tante informazioni” ha dichiarato il Technical Manager Ken Kawauchi. “Sylvain e Alex hanno provato un nuovo telaio modificato. Durante un Gran Premio è difficile provare nuove parti, quindi queste giornate sono decisamente utili.” Un nuovo telaio definito “abbastanza utile” dal Team Manager Davide Brivio. “Pensiamo che migliorerà la stabilità in frenata” ha continuato. “Può aiutarci in alcuni circuiti, Alex probabilmente lo proverà di nuovo ad Assen. Joan invece ha testato setting, sospensioni, ma anche lavorato sulla sua guida.”

Anche Alex Rins ha espresso pareri positivi su quanto provato lunedì, anche se con la dovuta cautela. “Il telaio modificato ha molti lati positivi” ha detto, “Ma dobbiamo migliorare in altri aspetti. Non ci sono grandi cambiamenti, ma ci lavoreremo per tirarne fuori il meglio. In generale possiamo essere soddisfatti di come stanno andando le cose.” Gli fa eco Joan Mir: “Ho migliorato il ritmo ed il giro veloce in gara. Stiamo compiendo costanti passi avanti. Non ci siamo concentrati su qualcosa, ma sul feeling in generale e sulla mia esperienza.”

Sono state giornate particolarmente piene anche per il collaudatore Sylvain Guintoli, come detto impegnato in una wild card. Il lavoro iniziato durante il GP è continuato nell’impegnativo lunedì di prove al Montmeló. “Abbiamo continuato a testare il telaio modificato che abbiamo portato, cercando di adattarlo, oltre a trovare punti forti e deboli. Abbiamo poi fatto passi avanti con la moto in generale e ho migliorato il ritmo che avevo in gara. Continuare a correre sullo stesso tracciato è stato positivo, mi sono trovato bene e sono riuscito a realizzare giri più veloci fin da subito.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi ad Aragon

Valentino Rossi boccia Tsuji: “Il cambio migliorerà lo sviluppo della moto”

Jorge Lorenzo

MotoGP: Jorge Lorenzo-Honda è un calvario, ma chi molla paga

Marc Marquez ad Aragon

MotoGP, Marc Marquez: “La caduta? Un rischio che dovevo prendere”