MotoGP: Suzuki a tre punte, a Brno c’è anche Guintoli

Il team Suzuki si prepara per il GP a Brno, che apre la seconda parte di stagione. In azione non solo Alex Rins e Joan Mir, ma anche Sylvain Guintoli.

1 agosto 2019 - 11:17

Lasciata alle spalle la pausa estiva, è tempo di tornare in azione. Questo fine settimana si apre la seconda parte di stagione e Suzuki si presenta a Brno con ben tre piloti. Alex Rins e Joan Mir, determinati a rendersi ancora più protagonisti, saranno affiancati dal tester Sylvain Guintoli, pronto per disputare la seconda wild card di questo 2019.

Alex Rins vanta due piazzamenti sul podio a Brno, ottenuti quando correva in Moto2. In MotoGP invece ha chiuso per due volte in 11° posizione. “Sono contento di tornare in pista” ha dichiarato. “In queste settimane mi sono riposato, ma ho anche seguito un buon programma di allenamenti, in modo da essere pronto per la seconda parte di stagione. In questo inizio di 2019 abbiamo ottenuto buoni risultati, ma la performance della moto migliora costantemente. Siamo sulla strada giusta: dobbiamo concentrarci di nuovo per fare ancora meglio.”

Joan Mir ha conquistato una sola vittoria al Masaryk Circuit, precisamente in Moto3 nel 2017, un risultato che è anche il suo unico podio. L’anno scorso in Moto2 ha chiuso con un ritiro, quest’anno correrà per la prima volta con una MotoGP. “Sono riuscito a trascorrere un po’ di tempo con famiglia e amici” ha detto il rookie. “Mi sono anche allenato duramente per mantenermi in forma. Sono pronto per tornare a correre, anzi non vedo l’ora! Prima della pausa ho trovato un buon feeling con la moto, riuscendo a migliorare la mia performance. Brno poi è un circuito che mi piace e del quale ho bei ricordi.”

Come detto, scenderà in pista anche Sylvain Guintoli, alla seconda wild card dopo Barcellona. Un periodo comunque pieno di impegni per il tester Suzuki. “Gli ultimi due mesi sono stati fantastici. A luglio sono andato per tre volte in Giappone, sia per prepararmi per la 8 Ore di Suzuka che per una sessione di test a Motegi. Domenica scorsa ho corso la leggendaria gara con Suzuki Yoshimura Racing Superbike. Ora però c’è Brno, un gran tracciato: non vedo l’ora di ritrovare la squadra e di guidare di nuovo la mia GSX-RR.”

1 commento

Katana05
12:53, 1 agosto 2019

Guintoli si è meritato una gara premio: alla 8 ore è stato per Suzuki l’unico motivo di sorridere.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “2020 anno cruciale: se non miglioriamo addio MotoGP”

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo a Motegi per il ringraziamento Honda

johann zarco

Johann Zarco: “Ho davanti 3-4 stagioni da vivere al massimo”