mir motogp

MotoGP, Stiria: Joan Mir sugli scudi nelle FP3, Rossi 15°

Joan Mir brilla nel terzo turno di libere MotoGP. Segue Fabio Quartararo, stesso crono per Takaaki Nakagami ed Andrea Dovizioso.

22 agosto 2020 - 10:46

Terzo turno di libere degno di una sessione di qualifiche: alla fine è Joan Mir a mettere a frutto lo spunto giusto per assicurarsi la Q2 con il miglior crono dei due giorni. Lo segue Fabio Quartararo, terza piazza per Takaaki Nakagami con lo stesso crono di Andrea Dovizioso 4°. Davvero minimi ancora una volta i distacchi: 19 piloti in nove decimi, con Binder che ha mancato la top ten di soli 3 millesimi! Tra i piloti in Q1 ancora una volta troveremo, tra gli altri, Valentino Rossi e Danilo Petrucci.

La prima notizia è che oggi Zarco entra ufficialmente in azione. Ottenuta l’idoneità a poco più di due giorni dall’intervento allo scafoide del polso destro, comincia anche per lui il Gran Premio di Stiria (ricordiamo, in gara scatterà dalla pit lane per penalità). Notevole la sua partenza: proprio lui infatti si piazza provvisoriamente in testa, stampando di colpo l’8° crono combinato, mentre registriamo una scivolata alla curva 9 per Alex Márquez, senza conseguenza. L’alfiere Avintia Ducati rimane a lungo a comando, solo a metà turno altri piloti cominciano a passargli davanti.

Brillano soprattutto Viñales, Quartararo e Mir, che si alternano al comando, ma in generale registriamo svariati cambiamenti rispetto alla prima giornata. In evidenza anche Miller, ma quello che sarebbe stato il suo miglior tentativo non viene completato per una scivolata nella ghiaia alla curva 6. Joan Mir svetta in questo terzo turno di libere, ad un decimo c’è Fabio Quartararo, seguito da Takaaki Nakagami e da Andrea Dovizioso. Non riesce l’impresa a Zarco, secondo degli esclusi.

La classifica delle FP3

La classifica combinata 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, Marc Marquez operato per la terza volta: intervento durato 8 ore

Carlos Checa

MotoGP, Carlos Checa: “In Ducati non c’era l’atmosfera migliore”

MotoGP, Andrea Iannone

MotoGP, Andrea Iannone: perchè la stangata è stata inevitabile