smith motogp

MotoGP, Bradley Smith e i postumi della puntura di un’ape

Bradley Smith, interviste del giovedì con la faccia gonfia. Il motivo? La puntura di un'ape di due giorni fa. "Ma non mi impedirà di mettere il casco in testa."

20 agosto 2020 - 20:20

Tra un Gran Premio MotoGP e l’altro Bradley Smith è incappato in un brutto inconveniente. Si tratta per la precisione della puntura di un’ape: il pilota Aprilia aveva ancora oggi una faccia molto gonfia, nonostante il fatto sia avvenuto due giorni fa. Una disavventura però che non gli impedirà di essere regolarmente in azione al Red Bull Ring fin dalle prime libere del venerdì.

“Sono stato punto da un’ape 48 ore fa” ha spiegato Smith nel corso delle interviste di rito del giovedì svolte via Zoom, come riportato da crash.net. Questo in risposta alle logiche domande quando s’è presentato con il volto parecchio gonfio. “Immaginate quindi com’ero quand’è successo!” Ma non perde il suo buonumore. “Questo non mi impedirà di mettermi il casco in testa, sono pronto per il fine settimana.”

Vista la situazione attuale in casa Aprilia, Smith infatti continua a competere come pilota ufficiale della squadra di Noale. Ha chiuso a punti in tre delle quattro gare MotoGP finora disputate: 15° a Jerez1, 12° a Jerez2, 17° a Brno e 14° pochi giorni fa nel Gran Premio d’Austria. “Un weekend solido, in cui abbiamo fatto dei passi nella giusta direzione” aveva dichiarato ottimista.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Marc Marquez

MotoGP, Marc Marquez operato per la terza volta: intervento durato 8 ore

Carlos Checa

MotoGP, Carlos Checa: “In Ducati non c’era l’atmosfera migliore”

MotoGP, Andrea Iannone

MotoGP, Andrea Iannone: perchè la stangata è stata inevitabile