MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, sfida Ducati-Yamaha: dialogo tra Quartararo e Tardozzi

Ducati vs Yamaha sarà il leitmotiv della stagione MotoGP 2021. Dopo la gara di Le Mans scambio di cordiali battute fra Fabio Quartararo e Davide Tardozzi.

23 maggio 2021 - 11:09

La potenza della Ducati contro l’agilità della Yamaha. Sarà questo il leitmotiv della stagione MotoGP 2021. Almeno fino  quando Marc Marquez non tornerà ai livelli aurei che ben conosciamo. A Le Mans doppia vittoria della Rossa di Borgo Panigale con Fabio Quartararo terzo “incomodo”. A Jerez uno-due Ducati con Franco Morbidelli terzo. Nel GP di Portimao vittoria di Fabio e Pecco Bagnaia 2°. In Qatar-1 successo di Vinales, la domenica dopo di Quartararo, ma sul podio sempre due piloti del marchio emiliano. E le previsioni del Mugello annunciano venti a favore per le Desmosedici, con le YZR-M1 pronte a stupire anche su un terreno ostico, dove la potenza dei motori può fare la differenza.

Scambio di complimenti tra Borgo Panigale e Iwata, nessuno ammette di avere a disposizione il miglior prototipo MotoGP. D’altronde è difficile dire quale sia la vera moto candidata al titolo. Ma tra le due case si spendono sorrisi, strette di mano, battute. Come nel dopo gara di Le Mans, con Davide Tardozzi e Fabio Quartararo che si sono scambiati battute amichevoli. Lo show della master class è anche questo.

D.T.: Ti hanno operato, vero? Stai meglio adesso?

F.Q.: Ancora un po’ indolenzito.

D.T.: Ma puoi muovere la mano o no?

F.Q.: Sì, sì… posso. È solo con pochi movimenti perché ho dei punti dentro, sai?

D.T.: Ahhh…

F.Q. Ma va bene

Ducati intanto approfitta, una buona dose di fortuna è imprescindibile per la scalata al titolo MotoGP. A Jerez il francese della Yamaha avrebbe meritato la vittoria se non fosse per il dolore all’avambraccio che lo ha fatto scalare in fondo alla zona punti. Punti importanti che a fine Mondiale possono fare la differenza. Ma da qui a Valencia sarà guerra tecnica e di nervi, di situazioni sfruttate o mancate, di corsa sul filo del rasoio e dei decimi…

F.Q.: La moto va bene in tutte le condizioni, vero? L’ho visto.

D.T.: Non lo so, tu l’hai visto.

F.Q: Sì, l’ho visto in pista. Nelle piccole curve è meglio.

D.T.: Ma non sarà mai come la Yamaha.

F.Q.: È normale. In rettilineo o in accelerazione la Yamaha non sarà mai come la Ducati.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

moto2 morbidelli sachsenring

Moto2, Italia vincente al Sachsenring solo con Morbidelli. Ed in 250cc…

La Honda RC213V nel test in Catalunya

MotoGP, Alberto Puig: la Honda “total black” resta top secret

MotoGP, Franco Morbidelli e Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Il Sachsenring è una pista diversa”