Scott Redding

MotoGP, Scott Redding: “Felice per Aprilia, ma per me fu terribile”

Scott Redding felice per il primo podio Aprilia in MotoGP. Il britannico ricorda la sua esperienza con la Casa di Noale e si congratula con Aleix Espargarò.

8 settembre 2021 - 14:21

Aprilia ha conquistato il suo primo podio in MotoGP a Silverstone con Aleix Espargarò. Un traguardo ambizioso centrato dopo anni di sforzi, investimenti e momenti di tensione, in cui molti piloti si sono alternati in sella alla RS-GP. Tra questi anche Scott Redding nella stagione 2018, non riuscendo a centrare mai una top-10. Aprilia e Redding non si sono lasciati in buoni rapporti, poi la decisione di partecipare al BSB in cui ha dominato con il marchio Ducati.

Il 28enne britannico del team Aruba.it Racing, attualmente terzo in classifica Superbike, si dice felice per i livelli raggiunti dalla Casa di Noale. “Non mi ha sorpreso, ad essere sincero“, ha ammesso a ‘Motorsport-Total.com’. “Sono felice per loro, anche se non ricordo piacevolmente il nostro tempo insieme. Ho avuto un momento difficile con Aprilia. È stato terribile, ero lì nel momento sbagliato“. La fame di vittorie di Scott Redding non è stata saziata con la RS-GP, facile che saltassero i nervi… e il contratto. “Sono un pilota che vuole vincere. Ma non è successo. Non mi sentivo rispettato, non è stato tutto così bello. Ma non sono risentito“.

Il podio di Aleix, l’arrivo di Maverick

Il progetto Aprilia MotoGP all’epoca era ancora in fase embrionale, serviva pazienza e sacrificio. Ma i nervi sono saltati. “Hanno sviluppato e fatto progressi. Non hanno rinunciato al progetto e ora sono saliti sul podio. Sono contento per loro“, ha proseguito Scott Redding. Un elogio particolare va ad Aleix Espargarò, che ha impiegato quasi cinque anni prima di mettere i piedi sul podio. “Hanno vissuto momenti belli e brutti. Li ha condotti al loro primo podio. È un bene per lui perché ha lavorato sodo. Per Aprilia va bene, perché significa che non si arrendono e hanno la motivazione per continuare a lavorare sugli sviluppi“.

Adesso c’è curiosità per vedere in azione Maverick Vinales dopo i due giorni di test a Misano. Il costruttore veneto si aspetta molto dal neo arrivato, da subito in termini di sviluppo, dal 2022 anche per i risultati. “Dal punto di vista contrattuale, mi ha sorpreso come possa lasciare una squadra e guidare per un’altra squadra nella prossima gara. È la prima volta nella storia che accade una cosa del genere – ha concluso Scott Redding -. Sono davvero entusiasta di vedere come andrà. I test sono una cosa, le gare un’altra“.

Massaggio Capitale, relax a Roma

Foto: Getty Images

1 commento

walterguzzi
15:47, 8 settembre 2021

ipocrita, ne disse di tutti i colori all’Aprilia quando fu mandato via e adesso come tanti altri si mangia quello che ha detto

POTRESTI ESSERTI PERSO:

jordi torres motoe

MotoE Misano: Torres vince un pazza Gara1, out Zaccone e Granado

raul fernandez moto2

Moto2 Misano: Raúl Fernández si prende la 5^ pole dell’anno

MotoGP Misano: Pecco Bagnaia vola, pole con record assoluto!