quartararo motogp

MotoGP: Quartararo, ultimo GP in Petronas. “Ritrovare il feeling perso a Le Mans”

Fabio Quartararo, a Portimao l'ultimo round in Petronas SRT. Qualche rammarico per com'è andato il 2020, ma "Speriamo di chiudere con un gran risultato."

18 novembre 2020 - 16:07

Questo fine settimana Fabio Quartararo concluderà il biennio in Petronas SRT, passando l’anno prossimo in Yamaha factory. Possiamo dire che il pilota francese è il grande deluso, visto che ad inizio stagione era il grande favorito per la corona MotoGP. Decisamente non è andata secondo i piani, ma il pilota #20 punterà a fare del suo meglio nell’ultima tappa di questo particolare 2020. L’obiettivo è regalare un risultato di peso alla squadra che gli ha permesso l’esordio nella classe regina due stagioni fa.

L’Autódromo do Algarve non è esattamente una pista nuova per lui, visti i trascorsi nel CEV Moto3, ma sono passati ben sei anni, con anche lavori di riasfaltatura. Non ha nemmeno girato assieme agli altri piloti MotoGP, in azione in sella a moto stradali durante i recenti test privati. Come si comporterà quindi in sella alla sua M1? Bisogna anche cercare di raddrizzare, per quanto possibile, il piazzamento in classifica iridata: negli ultimi GP infatti è sceso in 5^ posizione, terzo pilota Yamaha dietro a Morbidelli (2°) e Viñales (4°).

“È trascorso tanto tempo da quando ho corso a Portimão!” ha ammesso Fabio Quartararo in vista del GP del Portogallo. “Mi ricordo però che la pista è un ottovolante, con tanti importanti saliscendi.” E sul 2020, “È un peccato non aver portato la lotta mondiale fino all’ultima gara” ha ammesso. “Ora però voglio divertirmi. Per prima cosa però dovremo ritrovare il buon feeling e la velocità che abbiamo perso da Le Mans. Speriamo di poter chiudere il 2020 e questo biennio col team con un gran risultato.”

1 commento

fzanellat_12215005
17:27, 18 novembre 2020

Fabio Quartararo è il mistero irrisolto di questo 2020.
Il “nuovo” Marquez avrebbe dovuto sbaragliare la
concorrenza dopo Jerez.
Non l’ha fatto per una pressione esagerata che lo
sta condizionando da oltre un mese.
3 vittorie sono un buon numero ma il resto delle
prestazioni è al di sotto della sufficienza.
Morbido sta togliendo tutte le certe di Quartararo,
piombata in una situazione simile a quando correva
in Moto3-2.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso: la “gabbia” della MotoGP e la libertà del motocross

MotoGP, Joe Roberts

MotoGP, il manager di Joe Roberts: “Aprilia occasione mancata”

MotoGP, Luca Marini-Pecco Bagnaia-Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi e “new generation”: obiettivo Mondiale tricolore