MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Quartararo “accoglie” Morbidelli: “Non mi interessa molto”

Fabio Quartararo si avvia verso il titolo MotoGP 2021. Da Misano ritroverà Franco Morbidelli nel box, ma l'accoglienza è a dir poco gelida...

8 settembre 2021 - 7:54

Cinque vittorie e tre podi in 11 Gran Premi, Fabio Quartararo ha scavato il vuoto in classifica MotoGP con un gap di 65 punti sul diretto inseguitore Joan Mir. Al suo primo anno nel team Yamaha factory, dove ha preso il posto di Valentino Rossi, ha guadagnato la fiducia massima dei vertici che gli hanno assegnato l’evoluzione della YZR-M1. I suoi risultati hanno mandato in tilt anche l’ex collega di box Maverick Vinales, che non aveva più alibi per giustificare i suoi alti e bassi. Da Misano ritroverà Franco Morbidelli, ma per lui poco conta. Il francese è un treno in corsa che guarda solo avanti: “Franco arriverà a Misano, ma non mi interessa molto, sono concentrato sulla mia stagione. Non guardo mai chi c’è nel lato sinistro del box“.

Ad un passo dal Mondiale

Si è presentato ai nastri di partenza già pronto dal punto di vista fisico-atletico, psicologico e tecnico, per evitare gli errori dell’anno scorso. “Ho riconosciuto tutti gli errori che ho fatto nel 2020, ho avuto qualche problema con la moto, ma anche con me stesso“, ha ammesso Fabio Quartararo a MotoGP. com. “Mi sono davvero arrabbiato sulla moto quando qualcosa è andato storto. E quando sei arrabbiato, allora non sei concentrato sul da farsi. Così ho imparato a mantenere la calma nelle situazioni difficili. Ecco perché sono molto più forte rispetto all’anno scorso“.

Nulla da fare per gli avversari alle prese con l’usura delle gomme. Per l’alfiere di Nizza non c’è circuito che tenga, è la sua stagione MotoGP d’oro. Forse la prima di una lunga serie. “Ho fatto enormi progressi in termini di esperienza e stile di guida. Yamaha ha apportato importanti miglioramenti alla moto. Sin dal primo giro senti dov’è il tuo limite… Uno dei miei punti di forza è sentire tutto ciò che cambia sulla moto. Penso che Yamaha si fidi sempre più di me“. Il titolo MotoGP è un affare da blindare, a cominciare dal GP di Aragon, un tracciato solitamente favorevole alle Suzuki. “Ma non voglio guardare i miei avversari, voglio solo pensare a me stesso e dove sono alla fine del week-end. Lo faccio gara dopo gara e penso che aiuti molto“.

GP San Marino e Riviera Rimini Biglietti qui

1 commento

voiedegarag_15199617
10:06, 8 settembre 2021

Ci mancherebbe si mettesse a incoraggiare uno che l’anno scorso gli è finito davanti e in Moto2 ha vinto 8 corse e un titolo mentre Quartararo una corsa sola.
Inoltre il francese a questo punto della stagione deve solo pensare a non perdere un titolo che in pratica è già tra le sue mani.

Morbidelli invece deve cominciare a costruire la stagione 2022 dopo un 2021 dove fare peggio era difficile.
E forse ringraziare Viñales “senza il quale niente di tutto questo sarebbe mai stato possibile”.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alessandro zaccone motoe

MotoE, Alessandro Zaccone: addio al campionato, ma è andata bene…

pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: caccia ad un altro colpaccio, stavolta in casa

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Con Valentino Rossi non c’è lavoro di squadra”