MotoGP, Paolo Campinoti e Johann Zarco

MotoGP, Pramac miglior Independent Team: la gioia di Campinoti

Pramac Racing miglior team satellite nella stagione MotoGP 2022. Zarco e Martin sono le nuove fecce per l'arco di Paolo Campinoti.

30 ottobre 2021 - 8:12

Il team Pramac Racing può chiudere questa stagione MotoGP con un bilancio molto positivo. E consapevole di avere un potenziale per poter fare ancora meglio. Dopo il GP di Misano-2 si è confermato miglior team indipendente grazie al 5° posto di Johann Zarco. Per il francese la prima parte di campionato è stata strepitosa con quattro secondi posti nelle prime sette gare. Tanto da arrivare alla pausa estiva come uno dei principali candidati al titolo. Qualche problema fisico e un problema di pompaggio hanno reso in salita la seconda parte del Mondiale.

Jorge Martin è il talento-sorpresa di questo 2021. Tutti sapevamo del suo potenziale, ma pochi avrebbero scommesso su una vittoria nel primo anno da rookie. E nonostante l’infortunio di Portimao l’abbia costretto a saltare i tre GP successivi, rallentando la presa di confidenza con la Ducati Desmosedici. “Siamo molto contenti di come sono andate le cose finora. E ovviamente siamo particolarmente contenti di essere riusciti a vincere dopo tanti anni. Siamo stati molto uniti e quest’anno ha funzionato“.

Il sogno iridato

Tra Ducati factory e il suo team satellite c’è massima collaborazione. In Pramac gli aggiornamenti arrivano in “tempo reale” e il materiale è sempre di alta qualità. D’altronde i risultati contribuiscono alla conquista del titolo costruttori, dove la Casa emiliana è ancora al comando. Viceversa, nel Mondiale per team Yamaha è di poco avanti (364 – 355). “La squadra ha fatto un grande passo avanti rispetto a qualche anno fa. Abbiamo due piloti molto forti, si spingono a vicenda“, ha aggiunto Paolo Campinoti. “È positivo per noi continuare con loro l’anno prossimo. Ciò significa che possiamo continuare il nostro viaggio insieme e continuare a crescere insieme“.

Non solo miglior team indipendente, ma nella classifica per team si piazza davanti anche a KTM e Aprilia. Nel 2022 la scuderia satellite punterà ancora più in alto e non è da escludere che possa ambire al titolo MotoGP. Jorge Martin avrà un anno di esperienza sulle spalle e l’età per esplodere. Johann Zarco ha l’esperienza per insidiare le posizioni di vertice. “Entrambi sono molto forti e c’è una buona sintonia nel team. E penso che continuerà“.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022