oliveira motogp

MotoGP Portimao, Prove 1: Miguel Oliveira fa gli onori di casa

Miguel Oliveira inizia al meglio il GP di casa. Il pilota Tech3 stampa il crono di riferimento nelle prime libere, davanti a Maverick Viñales ed al duo Aprilia.

20 novembre 2020 - 12:24

Il Gran Premio del Portogallo comincia con l’unico pilota portoghese nel Motomondiale a dettare il passo. Miguel Oliveira all’ultimo si piazza al comando della classifica MotoGP, un ultimo giro veloce che gli consente di superare di 40 millesimi Maverick Viñales. Buon turno per il duo Aprilia, con Aleix Espargaró e Lorenzo Savadori rispettivamente 3° e 4° alla fine delle FP1. Alle 14:00 scatterà il secondo turno di prove libere del venerdì.

Un ‘volto nuovo’ in azione per questo finale di stagione, ma più che altro è un ritorno. Parliamo di Mika Kallio, tester KTM schierato in questa circostanza da Tech3 al posto di Lecuona. Una bella sfida per l’esperto pilota finlandese, alla prima corsa da fine 2019. Ma sottolineiamo poi tutta l’emozione di Miguel Oliveira, che corre in casa per la prima volta da pilota MotoGP. Qui un suo momento in azione. Da ricordare poi una gamma di gomme diversa per questo GP: Taramasso a motogp.com ha affermato però che “La hard asimmetrica posteriore sembra quella più adatta al momento.”

Ricordiamo anche che abbiamo un tempo di riferimento per la categoria: Aleix Espargaró ha stampato un 1:40.170 nei test privati realizzati con la sua MotoGP. In questo primo turno i tempi sono più alti, con i soli Bradl e Quartararo che  lungo sono gli unici sotto l’1:41, mantenendosi al comando. Questo fino agli ultimi minuti: l’assalto finale stravolge la classifica, c’è Maverick Viñales in testa, seguito dalle Aprilia di Aleix Espargaró e Lorenzo Savadori.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso: la “gabbia” della MotoGP e la libertà del motocross

MotoGP, Joe Roberts

MotoGP, il manager di Joe Roberts: “Aprilia occasione mancata”

MotoGP, Luca Marini-Pecco Bagnaia-Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi e “new generation”: obiettivo Mondiale tricolore