motogp bagnaia

MotoGP Portimao-2, Warm Up: Pecco Bagnaia precede Quartararo

Pecco Bagnaia si prende il warm up a Portimao, segue il neo iridato Fabio Quartararo ad un decimo con Iker Lecuona ottimo terzo.

7 novembre 2021 - 10:56

Francesco Bagnaia e Fabio Quartararo: il poleman e secondo in classifica iridata, vicino a lui il campione MotoGP 2021. Un copione visto nelle libere, mancato in qualifica, ma che entrambi puntano a ripetere in gara, pronti a dare vita ad una bella battaglia. Nel frattempo l’alfiere Ducati si prende anche il warm up davanti all’iridato di casa Yamaha. Da sottolineare però anche la bella terza piazza di Iker Lecuona, che conferma il crescente feeling con la KTM in questa seconda parte di stagione. Ultimo turno concluso, ora manca solo la gara: qui tutti gli orari del Gran Premio.

Warm Up 

Ultime prove a livello di aggiustamenti, come per Quartararo, non troppo contento dopo la Q2 ed il settimo posto in griglia. Oltre alle ultime prove di gomme per decidere in ottica gara. A referto un incidente alla curva 7 per Alex Márquez, subito tornato al box in scooter e ripartito nei minuti successivi. In seguito scivola anche Aleix Espargaró, nel suo caso alla curva 13 ma sempre senza conseguenze se non per la sua Aprilia. In vetta intanto ci sono ancora i due protagonisti delle libere: Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia infatti si contendono la prima piazza, ma dietro di loro in bella evidenza ci sono anche Iker Lecuona (lodato da Petrucci dopo le qualifiche) e Joan Mir. Sarà proprio questa la top 4 alla bandiera a scacchi, ma con il pilota Ducati passato in testa per un decimo. Continua invece il fine settimana molto difficile del pilota di casa Oliveira…

Che favola Marco Simoncelli! “58” racconto illustrato in vendita anche su Amazon Libri

La classifica 

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022