MotoGP, Pol Espargaro

MotoGP, Pol Espargarò: “Sviluppo Honda rallentato da due anni”

Pol Espargarò analizza la situazione in casa Honda nella sua prima stagione in MotoGP con la RC-V. Per il 2022 avverte: "Non voglio soffrire un altro anno".

16 luglio 2021 - 8:54

Nel passaggio da KTM a Honda Pol Espargarò sapeva che l’adattamento alla RC213V non sarebbe stato facile. La stagione MotoGP 2021 sta portando poche soddisfazioni al minore dei fratelli di Granollers, 8° posto nell’esordio a Losail come miglior risultato. Il bilancio di metà campionato non può essere per nulla positivo. Serve un cambio di mentalità individuale e maggior impegno da parte dei tecnici HRC, per adattarsi meglio alla nuova carcassa Michelin e trovare maggior feeling con l’anteriore.

Regna fiducia nel box di Pol Espargarò, nonostante i risultati poco esaltanti. “Quando ho visto la Honda per la prima volta ho detto ‘questa è la mia moto, il mio stile di guida’. Tutti dicono che la Honda è una moto difficile da guidare, ma per me non lo è, tutte le moto sono difficili. Devi lavorare molto, tutto dipende dal tuo stile di guida. Nel mio caso mi piace lo stile di guida della Honda”, ha detto a MotoGP. com. I problemi della RC-V risiedono soprattutto in termini di trazione e l’assenza di Marc Marquez nella scorsa stagione MotoGP ha complicato ulteriormente l’evoluzione. “Il cambio alla carcassa della gomma ha fatto sì che la Honda non si adattasse come le altre. Lo sviluppo della Honda si è un po’ fermato negli ultimi due anni. Honda non sta lavorando duro come gli altri. Ci sono problemi che non capisco“.

Dopo quattro anni in KTM adattarsi al metodo di lavoro Honda non è facile, ma i rapporti nel box sono idilliaci. La presenza di Alberto Puig è un punto di riferimento centrale. “Quando gli racconto i miei problemi, noto che mi capisce e mi ascolta. Questo è molto positivo per il pilota“, ha aggiunto Pol Espargarò. Il Sachsenring ha dimostrato che la Honda non ha dimenticato di essere una moto vincente. Ma l’attenzione è già in parte proiettata al 2022… “Non voglio passare un altro anno a soffrire, non è quello che voglio o che merito. Non meritiamo di lottare per i primi dieci, spero di essere come quando ero in KTM, a lottare per i primi cinque. E’ quello che Honda si aspetta da me e lotterò per ottenerlo“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

FRA 1988
11:43, 16 luglio 2021

Ok qualche discreto risultato in Ktm( 2020) ma tutto grazie alle gomme che per altri erano ingestibili.
Pol non sarà mai un campione e i risultati mediocri di questa annata lo dimostrano. Marquez con un braccio
e mezzo gli sta dando la paga pur avendo saltato 3 gp.
Se fosse il vero Marquez gli avrebbe già dato un centinaio di punti in classifica. Pol sopravvalutato.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Enea Bastianini e Ruben Xaus

MotoGP, il budget fa il gap: Enea Bastianini stile Robin Hood

MotoGP, Marc Marquez a Misano

MotoGP, Honda-revolution: Marquez apre la strada, Espargarò in bilico

Superbike, Toprak Razgatlioglu

MotoGP, Toprak Razgatlioglu pronto per un test con la Yamaha