MotoGP, Pol Espargaro

MotoGP, Pol Espargarò: “Fratelli Marquez, la convivenza sarà complicata”

Pol Espargarò parla dell'interruzione della stagione MotoGP, dei fratelli Marc e Alex Marquez e del fallimento di Johann Zarco con KTM.

30 marzo 2020 - 16:23

Pol Espargarò è confinato nella sua casa di Andorra. Per lo spagnolo della KTM doveva essere una stagione MotoGP decisiva, dove si attendeva di raccogliere frutti dopo anni di paziente lavoro. L’arrivo di Dani Pedrosa ha portato ad una decisiva svolta nell’evoluzione, ma l’emergenza Coronavirus ha costretto a bloccare il Mondiale ad una settimana dall’inizio. “È un peccato che l’inizio sia stato rinviato perché siamo migliorati molto – ha detto a Sky Sport -. Ero sicuro che quando avremmo corso in Europa saremmo stati davvero veloci“.

Una situazione anormale che genera dubbi anche sul rinnovo di contratto. Fino a quando non prenderà il via la stagione regna grande incertezza anche sul futuro dei piloti. “È una situazione complicata per quelli come me che non hanno un contratto per il prossimo anno, chiuderemo la stagione molto tardi e dovremo aspettare il contratto. La mia priorità è continuare in KTM. Devi vedere quali risultati otteniamo per sapere cosa sarà della mia carriera. Ho 28 anni ed è un momento cruciale, perché i giovani come Quartararo stanno crescendo rapidamente“.

I FRATELLI MARQUEZ E ZARCO

Pol e suo fratello Aleix da tempo si sfidano a distanza in classe MotoGP. Da quest’anno un’altra coppia di fratelli, Marc Marquez e Alex, si daranno battaglia. Per di più all’interno dello stesso box. “Sarà difficile per entrambi. Alex è al suo primo anno su una moto complicata, oltre a tutto questo correrà al fianco di suo fratello, che ovviamente conosce molto bene – ha aggiunto Pol Espargarò -. Non mi piace correre con mio fratello in MotoGP, figurati nella stessa squadra, non mi piacerebbe affatto. E poi il suo compagno di squadra è il pilota più forte del campionato. Ma anche per Marc sarà difficile, che vorrebbe vedere suo fratello fare bene nella Honda ufficiale. Secondo me, sarà una situazione difficile da gestire all’interno del box, ma hanno un buon capo come Alberto Puig che sa cosa fare. Sono curioso di vedere cosa succede“.

Infine, Pol Espargarò parla anche del fallimento di Johann Zarco con la KTM. “Zarco si era prefissato aspettative troppo alte per se stesso con KTM. Probabilmente, vedendo i risultati che io e Smith abbiamo fatto, pensava di essere molto più forte di noi. Poi si è scontrato con la realtà, si è innervosito e ha voluto chiudere subito per trovare un’altra possibilità per salvare la sua carriera. Secondo me ci vuole pazienza, non puoi pensare di ottenere un risultato all’inizio o nella seconda gara, guarda Lorenzo in Ducati… Alla fine KTM e Zarco hanno trovato un accordo conveniente per entrambi, quindi meglio così“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fausto Gresini

MotoGP, Gresini: “La squalifica di Iannone è un danno per Aprilia”

ducati vr46 motogp

MotoGP, la tecnica: perchè Valentino Rossi non ha vinto con la Ducati?

carlo ubbiali

Si è spento Carlo Ubbiali, leggenda del motociclismo