espargaro ktm motogp

MotoGP, Pol Espargaró: “Dobbiamo rispettarci in pista”

Pol Espargaró al comando nel venerdì del GP di Stiria. "Suzuki e Ducati tra i favoriti. Noi dobbiamo essere più attenti, evitando contrattempi."

21 agosto 2020 - 20:22

Nella prima giornata del Gran Premio di Stiria KTM fa la voce grossa con Pol Espargaró. C’è voglia di lasciare alle spalle il pasticcio di meno di una settimana fa, puntando ad essere ancora più protagonisti sul tracciato di casa per la struttura austriaca. Lo dimostra lo spagnolo del team factory, autore del tempo di riferimento del venerdì, ma c’è da considerare anche il 4° posto combinato del pilota Tech3 Miguel Oliveira. Tra i due le Ducati di Jack Miller ed Andrea Dovizioso: può KTM contrastare il dominio della casa italiana?

“Abbiamo cambiato qualcosa, elettronica e gomme hanno così funzionato meglio” ha spiegato Espargaró a fine giornata. Aggiungendo un pensiero: “Sarebbe bello confrontare il livello della KTM con il migliore, per sapere cosa farebbe. Ma non è qui.” Dopo due zeri consecutivi (uno parallelo alla vittoria del compagno di box Binder), lo spagnolo è determinato a mostrare il livello della sua RC16. “Stiamo lavorando per essere competitivi come la settimana scorsa, quando siamo riusciti anche a portarci al comando della gara.” Si sbilancia poi un po’ di più: “Possiamo mantenerci tra le prime 3-5 posizioni.”

Non manca anche una considerazione sugli incidenti di domenica scorsa e sul ruolo dei principali protagonisti, i piloti. Con una frecciatina: “Per TV siamo tutti esperti di moto, ma pochi sanno guidare una MotoGP.” E aggiunge: “Freddie Spencer voleva fare una riunione con tutti per darci la possibilità di raccontare cos’era successo. Dorna deve decidere, ma in queste circostanze la responsabilità è anche nostra. Dobbiamo rispettarci e lasciarci il giusto spazio in pista, in modo da percorrere le nostre traiettorie ed evitare così incidenti.”

Riguardo al secondo fine settimana consecutivo in Austria, Pol Espargaró vede vari favoriti. Punta il dito anche sulle Suzuki, al momento 6° e 7° in classifica combinata. “Sono tra i più rapidi per la gara di domenica.” Ma non solo. “Anche il ritmo di Nakagami è stato davvero buono. Sicuramente poi ci saranno Dovizioso e le Ducati in generale. Questo fine settimana dobbiamo essere più attenti, soprattutto evitando cadute e contrattempi. Se ci fossero, dovremo essere ancora più preparati: la scorsa settimana abbiamo sbagliato.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Lin Jarvis

MotoGP, Valentino Rossi: i retroscena del contratto con Yamaha e Petronas

fernandez moto2

VIDEO Moto2: Augusto Fernández, moto in fiamme nel warm up!

crutchlow motogp

MotoGP, Cal Crutchlow stringe i denti: “Braccio peggiorato dopo l’intervento”