pol espargaro motogp

MotoGP, Pol Espargaró: “Concessioni? Attualmente ne avremmo bisogno”

Pol Espargaró 12° in griglia di partenza. Sottolinea il momento difficile per Honda, e vede nelle concessioni una possibilità di svolta.

5 giugno 2021 - 20:03

“Honda, abbiamo un problema.” Una famosa citazione che però calza per descrivere la situazione attuale che stanno vivendo i piloti MotoGP della casa dell’ala dorata. Lo ribadisce Pol Espargaró, sottolineando così una volta di più il difficile momento in casa HRC. Per lui in particolare un passaggio in Q1, l’arrivo in Q2 (unico pilota Honda ad esserci riuscito) ed una caduta che ha chiuso anzitempo le sue qualifiche. Scatterà dalla 12^ casella in griglia, ma non è soddisfatto dell’andamento finora. E vede le concessioni come una possibilità di svolta.

“Ho seguito Miller, non era male e stavo arrivando con un tempo da seconda fila, ma sono caduto” ha affermato l’ex iridato Moto2. “Succede quando devi spingere tanto: con il tempo della Q1 sarei stato tranquillamente in seconda fila… Diciamo che un po’ me l’aspettavo.” Ma ribadisce a chiare lettere la situazione attuale. “È lampante: non siamo veloci, non andiamo bene.” Di qui anche la necessità di cercare qualche scia. “Non si può fare da soli, quindi cerchiamo un modo per essere più veloci. Non mi piace per niente seguire qualcuno, e quando ci sei costretto non puoi seguire il tuo stile né migliorare.”

Parla poi apertamente dell’ipotesi concessioni. “Non avrei vergogna, e non dovrebbe vergognarsene neanche Honda. Siamo nell’elite del motociclismo, la gente investe molto denaro e quindi ci si aspettano risultati. Non mi vergognerei delle concessioni, anzi ad essere sincero attualmente ne avremmo bisogno.” Rimarca poi che “Non abbiamo giornate di test, ne abbiamo avute solo cinque finora. La moto non è al livello che vorremmo e l’anno prossimo avremmo gli stessi giorni di test, quindi ci ritroveremmo nella stessa complicata situazione attuale. Le concessioni anzi ci servirebbero per cercare la svolta e tornare dove vorremmo.”

Come per tutti, non mancano alcuni dubbi riguardo le gomme per la gara. “Non sappiamo come andrà a livello di degrado. Anche perché stanotte sembra debba piovere, quindi si toglierebbe tutta la gomma presente in pista. Poi corriamo prima della Moto2, una cosa atipica. E non sappiamo che temperature troveremo. Tre aspetti fondamentali per capire che gomme scegliere non solo per fare bene, ma per finire senza cadere.” Nega poi un problema all’anteriore per la Honda. “Direi di no, anzi è uno dei punti che dobbiamo conservare e se possibile potenziare. Il posteriore invece non ha il grip che vorremmo, è ciò su cui dobbiamo lavorare.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

michelin motogp

MotoGP: Michelin, una gamma più ampia per il ritorno alla Cattedrale

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi e Andrea Dovizioso… sarà un mercoledì davvero speciale!

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Vinales: l’idea del ritiro per “vergogna”