Johann Zarco #MotoGP

MotoGP, Pit Beirer: “Difficile capire il problema di Zarco”

La KTM ad Austin con Pol Espargaro ha migliorato di 16 secondi il tempo sulla distanza. Ma Johann Zarco non riesce a decollare

17 aprile 2019 - 17:00

Il Red Bull KTM Factory Team ha fatto passi in avanti rispetto ad un anno fa. Nelle prime tre uscite stagionali è andato in crescendo: 12° in Qatar, 10° in Argentina e 8° posto in Texas, conquistando 11 punti in più di quanto fatto nel 2018. Sul COTA ha messo a segno una delle migliori sessioni di qualifiche piazzandosi 5°, a soli 0,6 secondi dalla pole di Márquez, meglio persino di Vinales e Dovizioso.

Numeri KTM in crescita

Pit Beirer, direttore Motorsport di KTM, è entusiasta dopo il GP di Austin. Il pilota spagnolo ha girato 1,4″ più veloce rispetto alla Q2 dell’anno scorso, 16″ più veloce in gara. L’unica nota negativa resta Johann Zarco che ad Austin ha piazzato soltanto un 13° posto. Dopo le polemiche sul dispositivo montato sul forcellone posteriore dalla Ducati, anche KTM ha portato uno spoiler simile che il francese ha testato nelle FP4, ma senza evidenti vantaggi in termini di prestazioni. Il nuovo motore KTM recita la sua parte da leone, ma non è l’unico settore dove la casa di Mattighofen è cresciuta. “Su questo punto c’è sempre tanta pressione in questa classe – ha detto Pit Beirer a Sky Sport -. Noi oggi siamo oltre un secondo più veloci dell’anno scorso con Pol Espargarò. Facciamo lo sviluppo step by step, con Johann Zarco anche per noi è difficile capire dov’è il problema. Pensavamo che riuscisse a mettersi subito al livello di Pol o meglio. Invece per lui è stato molto difficile l’approccio con la KTM. Per lui è difficile entrare in curva… siamo ancora molto giovani in questa classe“.

Zarco pronto al ritorno

Tra meno di un mese Dani Pedrosa Dani Pedrosa tornerà in pista per dare nuove indicazioni ai tecnici KTM sulla strada da seguire nello sviluppo della RC16. Nelle ultime settimane il collaudatore spagnolo è stato in fabbrica per proseguire il lavoro con gli ingegneri, ma a maggio sarà nuovamente in pista dopo l’intervento alla spalla. “Siamo stato fortunati, abbiamo fatto un test prima che avesse un problema con la spalla. Il prossimo test spero sia a maggio – ha aggiunto Pit Beirer -, deve aspettare ancora un mese prima di tornare in pista. Ma ci ha dato molto materiale su cui lavorare, al momento non c’è urgenza di lui… Dobbiamo fare un piccolo step in ogni area per avvicinarci ai migliori“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Marco Bezzecchi Motegi

Moto2, Motegi: Marco Bezzecchi, costretto al ritiro per malessere

Andrea Dovizioso a Motegi

MotoGP, Andrea Dovizioso deluso: “Non sfruttiamo le gomme nuove”

Jorge Lorenzo a Motegi

MotoGP, presidente HRC: “Vogliamo continuare con Jorge Lorenzo”