MotoGP: Piloti in visita dai bambini dell’Ospedale Meyer

Cal Crutchlow, Takaaki Nakagami, Lorenzo Dalla Porta e Celestino Vietti hanno incontrato alcuni bambini ricoverati all'Ospedale Meyer di Firenze.

31 maggio 2019 - 13:24

Nella giornata di giovedì c’è stato spazio per un pre event particolarmente significativo. Cal Crutchlow, Takaaki Nakagami, Lorenzo Dalla Porta e Celestino Vietti sono stati i protagonisti di una visita all’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze. Si tratta di una delle più antiche istituzioni dedicate all’infanzia, in cui ci si occupa di ricovero, cura e benessere dei piccoli malati. Una giornata diversa per questi bambini, che hanno ricevuto la visita dei quattro piloti del Motomondiale, che hanno visto da vicino una realtà più complessa. La visita si è conclusa con alcuni regali per i piccoli e foto di rito.

“Per prima cosa dobbiamo ringraziare l’Ospedale Meyer per averci invitato a fare visita ai bambini” ha dichiarato Cal Crutchlow. “In questo modo anche loro hanno vissuto una giornata diversa, abbiamo potuto vedere la loro situazione e conoscere le famiglie. Quello che fanno in questo ospedale è davvero fantastico, penso sia la migliore struttura presente in Italia, se non in Europa. Quando ci hanno detto che avevamo l’occasione di fare visita a questi bambini l’ho colta subito. Abbiamo trascorso un po’ di tempo con loro, abbiamo giocato e li abbiamo aiutati a colorare dei disegni, oltre a portare qualche regalo. Sai, c’è il GP al Mugello, ma quando vedi certe realtà, nulla è paragonabile a passare un po’ di tempo con dei bambini in ospedale. Ringrazio molto per questa opportunità.”

“Era la prima volta che visitavo questa struttura” ha aggiunto Takaaki Nakagami. “Abbiamo avuto l’occasione di incontrare alcuni dei bambini ricoverati e abbiamo parlato un po’ con loro, portando anche qualche regalo. Sono stati molto contenti e chiaramente lo siamo anche noi.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

lorenzo dalla porta

Collare d’Oro per Lorenzo Dalla Porta, lunedì la premiazione

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Ho dimostrato di meritare la Yamaha”

MotoGP furti Sepang

MotoGP, furti a Sepang: recuperata la refurtiva