MotoGP Pedrosa Lorenzo 2017

MotoGP: Pedrosa e la rivalità con Lorenzo. “Ci ha fatto crescere”

Dani Pedrosa ricorda la rivalità con Jorge Lorenzo. Con gli anni è nato un profondo rispetto reciproco. "Anche lui lo meritava."

29 aprile 2020 - 13:07

La rivalità tra Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo è stata uno dei fili conduttori dell’era moderna. Due dei maggiori talenti del Motomondiale si sono resi protagonisti di grandi momenti di tensione per ben cinque anni. Ora le cose sono decisamente cambiate e quel periodo ha lasciato spazio al rispetto reciproco, sempre sottolineato da entrambi negli anni che hanno condiviso in MotoGP.

L’inizio di questo contrasto risale al 2005, quando entrambi correvano in 250cc. Lorenzo, protagonista di un incidente con De Angelis, viene riconosciuto colpevole di quanto successo e non può disputare la gara successiva in Malesia. Testimone chiave per questa decisione? Proprio Pedrosa, che aveva visto da vicino quanto accaduto in pista. Un episodio che non è andato giù al maiorchino.

“È stata inizialmente una grande rivalità” ha sottolineato Dani Pedrosa in un’intervista a DAZN. “Ci ha fatto crescere. Era una motivazione extra ad andare sempre più veloci, uno contro l’altro.” Un contrasto sempre più acceso, tanto che l’allora re di Spagna Juan Carlos era intervenuto alla fine della tappa di Jerez 2008, obbligando i due piloti a stringersi la mano. Ma solo il passare del tempo avrebbe portato al cambiamento.

Tra gli assoluti protagonisti in MotoGP, Lorenzo e Pedrosa hanno iniziato a guardarsi con occhi diversi anno dopo anno. Arrivano le dimostrazioni di stima reciproca, sempre più frequenti, fino alla pace definitiva. I due piloti iberici sotterrano l’ascia di guerra nel 2015, a casa del connazionale Sete Gibernau. “Con gli anni maturi, l’esperienza e tutto ciò che vivi ti porta a capire ciò che sta succedendo.”

“Comprendi che ciò che sta facendo il tuo rivale è difficile perché è ciò che stai facendo anche tu” ha dichiarato Pedrosa. “Crescono così il rispetto e l’ammirazione per il tuo avversario.” Una situazione valida ancora adesso, con entrambi ritirati ed impegnati solo come collaudatori, Pedrosa per KTM e Lorenzo per Yamaha. “Essere stati spesso sul podio insieme dimostra che anche lui meritava lo stesso rispetto che tu reclamavi.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp

MotoGP: rivisti i motori per pilota, cancellati i test Moto2 e Moto3

motogp

MotoGP, la ripartenza: quando arriva l’OK dal governo spagnolo?

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Deciderò la prossima settimana”