pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia l’outsider? “Ora non sono uno dei piloti da battere”

Francesco Bagnaia con fiducia verso il primo GP con i colori Ducati Team. "Mi aspetto molto da me stesso. Obiettivo? Top 5, poi si vedrà."

25 marzo 2021 - 12:43

Siamo alla vigilia delle prime prove libere con i colori del Ducati Team. Francesco Bagnaia è pronto per disputare la sua prima annata con i colori ufficiali della casa di Borgo Panigale. ‘Pecco’ non ha mai nascosto l’emozione di questo passaggio, unite alla responsabilità ed alla pressione che tutto questo comporta. Ma si sente ben più preparato rispetto alla scorsa stagione, il feeling con la rossa è certo buono, ma non azzarda pronostici di alcun tipo. Quel che è certo però è che darà il massimo per partire subito nel migliore dei modi.

“Mi aspetto molto da me stesso” ha sottolineato l’ex iridato Moto2, alla terza stagione in classe regina. “Ho lavorato tanto durante l’inverno per essere competitivo. I test con la Panigale, pur non essendo la stessa moto, mi hanno aiutato a fare uno step nella direzione giusta.” Suo compagno di box sarà ancora Jack Miller, già collega in Pramac. “Ho un ottimo rapporto con Jack. Stiamo lavorando per lo stesso obiettivo e certo ci aiuteremo in questo senso in futuro.” Quale sarebbe per lui un buon risultato? “La top 5, dire altro sarebbe troppo al momento. Voglio divertirmi e dimostrare anche in gara che abbiamo un buon ritmo come nei test.”

Quel che ha colpito tutti nelle prove ufficiali è la velocità di punta mostrata dalle rosse. “Ogni volta la nostra moto è veloce sul dritto” ha ammesso Bagnaia, sottolineando però che “Lo sono anche altre moto. A volte mi sono messo in scia, molti altri sono migliorati e non è semplice superare.” Ma nel complesso “Mi sento meglio rispetto all’anno scorso, sono circa 8 decimi più rapido ed il feeling non è male. Può essere una buona stagione.” Non manca un appunto. “Questo è un circuito positivo per noi, ma vedremo in seguito come ci comportiamo in altre piste per capire se siamo migliorati davvero.”

Avverte pressione? “Ho attorno a me persone che mi aiutano a gestirla” ha rimarcato. “Al momento comunque non molta.” Fa il punto poi sul suo livello fisico dopo l’infortunio alla gamba del 2020. “È stata una bella mazzata. Ora sta tornando al 100% e ho ricominciato a correre, un aspetto molto positivo che mi aiuta anche ad essere più lucido a livello mentale. In generale mi sento molto più preparato.” Come si vede per questo 2021? “Al momento non mi sento uno dei piloti da battere, viste le gare dell’anno scorso” ha dichiarato ‘Pecco’. “Ma il passo mostrato nei test è stato ottimo e la simulazione di gara è stata molto veloce. Possiamo essere della partita.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: Ducati Team

1 commento

Max75BA
15:34, 25 marzo 2021

Ha un gran talento quando vincerà il suo primo gp avrà una impennata nella sua carriera.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Sandro Garbo celebra Rossi in fumetto “Il mio Vale regala sorrisi”

brad binder motogp

MotoGP, Brad Binder miglior KTM: “Quasi con il gruppo del podio”

canet moto2

Moto2: Aron Canet, l’emozione del primo podio in classe intermedia