MotoGP, Pecco Bagnaia: “La Ducati 2022 pronta al momento giusto”

Due giorni di test soddisfacenti per Pecco Bagnaia, pur con qualche dubbio sulla nuova carena. L'alfiere Ducati guarda con ottimismo ad Austin.

22 settembre 2021 - 15:44

Due giornate per lavorare sia su questo finale di stagione che sul 2022. Francesco Bagnaia è tornato subito in azione dopo la doppietta di successi nel giro di sette giorni, ancora più galvanizzato da questi risultati. L’abbiamo visto con una carenatura nuova in particolare, la prova più evidente svolta in questi giorni, lavorando poi su altre piccole cose soprattutto guardando alle prossime gare. Il campionato è molto difficile a questo punto della stagione, ma il pilota Ducati pensa solo a continuare nella stessa direzione. A cominciare dal prossimo evento MotoGP in programma ad Austin, su un tracciato che l’iridato Moto2 2018 considera favorevole alla Rossa.

“Abbiamo provato un tipo di carenatura differente” ha dichiarato Pecco Bagnaia. “Ci sono cose buone ed altre cattive, ma certo abbiamo fornito a Ducati molti dati per capirne meglio il potenziale.” Ma sottolinea anche che “Non siamo certi che sia la nostra carenatura per l’anno prossimo. Non siamo sicuri sia migliore, anzi sono alcune cose in cui va peggio, seppur poche. Continueremo a provare, ma è stato già interessante.” Non troppo lavoro in ottica 2022. “Abbiamo provato qualcosa di differente, ma nulla di eclatante. L’aspetto più importante è stato appunto il profilo aerodinamico, è stato un bene provarlo ieri e raccogliere dati.” Come detto, non solo prove di futuro. “Ci sono state alcune cose da testare per la prossima gara qui a Misano. Il feeling è migliorato ed anche a livello di ritmo abbiamo fatto dei passi avanti, direi che sono soddisfatto.”

“Gara rivista 4 volte, e solo per i test!” 

Rimarcando il gran feeling mostrato con la Rossa. “Migliora sempre di più, oggi poi non ho nemmeno messo le soft, solo una media, ma sono riuscito a tenere sempre lo stesso passo. Gli anni scorsi poi facevo fatica quando la gomma calava, adesso invece non più, riesco a tenere costantemente un buon ritmo.” Le altre case hanno portato svariate novità, ben più rispetto al costruttore di Borgo Panigale. Ma ‘Pecco’ non si preoccupa. “So bene quanto stia lavorando Ducati, so che al momento giusto la nostra moto sarà pronta e molto competitiva. Da dire comunque che ogni volta abbiamo qualcosa di nuovo provare, se la nostra moto 2022 non c’è ancora non è un problema.” Un piccolo pensiero è andato ancora alla gara di domenica. “L’ho rivista quattro volte e solo perché c’erano i test!” ha sorriso il pilota Ducati. “Magari quando torno a casa la guarderò di nuovo.” 

La prossima tappa sarà ad Austin, negli Stati Uniti. Un ritorno in Nord America al quale Bagnaia guarda con ottimismo. “Austin è una pista che mi piace e che per le caratteristiche della nostra moto più essere buona. Nei cambi di direzione siamo migliorati tantissimo quest’anno, un punto di svantaggio quindi può esserci amico in questa stagione. Siamo decisamente pronti.” Pensieri al campionato? Più o meno, ben conscio della situazione attuale. “È certamente durissima, noi daremo il massimo ma dipende da un insieme di fattori, non solo da me.” 

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp misano

MotoGP verso Misano-2: tutti gli orari TV su Sky Sport, DAZN e TV8

motogp valentino rossi

MotoGP: folla e poster dedicato per salutare Valentino Rossi a Valencia

Andrea Iannone ex pilota MotoGP

MotoGP, Andrea Iannone su Rai1: “Sono un uomo che vive di sfide”