Valentino Rossi e Pecco Bagnaia

MotoGP, Pecco Bagnaia e Valentino Rossi: l’allievo sulla scia del maestro

Valentino Rossi e Pecco Bagnaia in tandem durante le qualifiche MotoGP a Jerez. 3° e 4° posto in griglia, ma il podio sarà una dura scalata.

26 luglio 2020 - 9:18

Pecco Bagnaia anche stavolta si mette alle spalle i colleghi Ducati (e Valentino Rossi) al termine delle qualifiche MotoGP, ma vuole cambiare il copione della gara. Gli manca ancora qualcosa nella gestione della gara, ma oggi a Jerez può contare sull’esperienza della scorsa settimana. Sabato spinge fortissimo nella prima run e torna al box con il secondo tempo. Nella seconda run migliora ulteriormente il suo crono e festeggia con il suo team al parco chiuso con il terzo tempo. Miglior pilota fra gli italiani nella Q2, precede anche il suo maestro Valentino Rossi di 166 millesimi.

La prima fila

La prima volta in prima fila non si scorda mai. “Mi mancava questa sensazione. Mi sento pronto per la gara, abbiamo fatto un gran lavoro concentrandoci sul migliorare la fase finale e dovremmo essere preparati se dovessi avere un calo improvviso della gomma davanti“. Può ritenersi soddisfatto delle prestazioni della sua Ducati, anche se sul ritmo gara c’è da limare decimi importanti. Ma là dove incontrano difficoltà Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci, Pecco Bagnaia ha saputo colmare con il suo stile di guida. Forse che la gomma soft non è poi così nociva per la Ducati GP20. Nel parco chiuso ha riconosciuto che il suo team stava “lavorando molto bene dall’altro fine settimana. Abbiamo fatto un altro passo avanti con il ritmo della gara…  Sapevamo che il time attack non era un problema per me, l’altro fine settimana stava andando molto bene. Ci siamo concentrati molto sull’uso di pneumatici usati“.

Rebus anteriore

L’attenzione è puntata sull’anteriore, vero tallone d’Achille nella gara di domenica scorsa. “Spero di poter essere forti per tutta la gara perché la scorsa settimana ho avuto problemi con la gomma anteriore dopo 13 giri. Questo fine settimana abbiamo osservato il ritmo della gara, in particolare nella FP2 e FP4. Ci aspettiamo condizioni diverse per domenica rispetto a sabato, sarà ancora più caldo e abbiamo a che fare con la gommatura della classe Moto2. Tuttavia, sono molto fiducioso che la mia velocità in gara sia buona, ma penso che i due piloti Yamaha saranno un po’ più veloci“.

Il commento di Valentino Rossi

Per Pecco Bagnaia la vittoria è ancora lontana, ma con costanza e dedizione ci sta lavorando. L’obiettivo non è solo il rinnovo con Pramac, che sembra quasi scontato, ma cominciare la scalata al podio, da degno allievo di Valentino Rossi. Ieri in pista hanno girato qualche giro ruota a ruota trascinandosi nelle qualifiche. Il Dottore e i suoi allievi al Ranch come in pista. “Si allena tanto, è in forma – ha commentato il campione di Tavullia – e ha fatto un passo avanti con la Ducati, una moto veloce ma anche difficile. La settimana scorsa l’ho visto guidare bene e oggi ancora di più. Secondo me può lottare per il podio“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Fernandez Moto3

Moto3, Brno: La prima pole position di Raúl Fernández

marini ducati moto2 motogp

MotoGP: Ducati guarda anche Marini? In attesa di Dovizioso…

Moto2, Brno: Sam Lowes si conferma nelle FP3, 2° Marini