MotoGP, Paolo Ciabatti ds Ducati

MotoGP, Paolo Ciabatti: “Jorge Martin non è obbligato a vincere”

Paolo Ciabatti passa in rassegna i sei piloti Ducati alla vigilia del terzo GP di MotoGP a Portimao. Grandi speranze riposte sul rookie Jorge Martin.

15 aprile 2021 - 19:35

Ducati non ha centrato la vittoria nel doppio round di MotoGP a Losail. Ma c’è grande ottimismo nella corsa al titolo iridato. Record di velocità assoluta e primato in classifica con Johann Zarco, record di pista con Pecco Bagnaia. E, soprattutto, pole position e podio con il rookie Jorge Martin. La speranza è che il madrileno sia la dolce sorpresa di questo campionato, anche se a Borgo Panigale vogliono restare con i piedi per terra, procedere step by step.

Il team Ducati factory

La filosofia di puntare sulle nuove generazioni sta premiando. “Abbiamo deciso di cambiare un po’ la strategia con i piloti del team per avere nuove energie, piloti più giovani che vogliono fare meglio“, racconta Paolo Ciabatti a DAZN. “Jack Miller e Pecco Bagnaia sono stati piloti Ducati, hanno molta esperienza e abbiamo anche un pilota come Johann Zarco che è molto veloce“.

La corsa al titolo MotoGP è un obiettivo raggiungibile e l’attenzione resta focalizzata sull’australiano. “Quando si apportano cambiamenti c’è sempre un rischio. L’obiettivo è lottare per il Mondiale quest’anno e lo faremo. Miller ha concluso la stagione 2020 in modo eccezionale. È la sua settima stagione, perché ha iniziato giovanissimo in MotoGP. Con lui, che ha più esperienza degli altri piloti Ducati, abbiamo la possibilità di vincere“.

Nell’altro angolo del box il più giovane e meno esperto Pecco Bagnaia. Può regalare soddisfazioni, ma forse per il titolo non è ancora pronto. “Pecco deve vincere la sua prima gara, questo dà molta fiducia in te stesso – aggiunge Paolo Ciabatti -. Ha perso il feeling con la moto con alcune cadute, ma ha molto talento. Non so se quest’anno potrà lottare per il Mondiale, ma la sua prima vittoria è certa“.

I team satelliti Ducati

Grandi aspettative anche dal team Pramac che conta una coppia di piloti che sanno compensarsi e rispettarsi. “Zarco è super veloce. Quest’anno, con la stessa moto del team ufficiale, può sorprendere molto. Anche Jorge Martin è anche un pilota molto veloce, molto aggressivo, con tanta voglia. Sarà importante che sia tranquillo all’inizio. Gli abbiamo detto che non deve vincere, deve imparare”.

Paolo Ciabatti infine parla dei due rookie del team Esponsorama. L’obiettivo per loro è prendere confidenza con la Desmosedici. “Dovranno imparare a guidare la moto. Quello che ci aspettiamo da loro è che inizino calmi, imparino e migliorino durante la stagione. Marini è un vero professionista, analizza sempre i dati. Ha lottato per il Mondiale lo scorso anno e penso che possa farcela molto bene, impara molto velocemente. Bastianini ha molto talento e il suo stile può essere perfetto per la Ducati“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Franco Morbidelli GP Le Mans 2021

MotoGP, Valentino Rossi-Morbidelli-Pol Espargarò: scintille dopo l’incidente

MotoGP, Aleix Espargaro a Le Mans

MotoGP, Aleix Espargarò deluso: “Le moto factory non si fermano in gara”

bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: “Uno come Miller è uno stimolo a migliorare”