MotoGP: Occhio Dovi, Jorge Lorenzo può diventare la “punta” Ducati

Il maiorchino al Montmelò ha vinto quattro volte negli ultimi otto anni: adesso può diventare lui il pilota di punta?

13 giugno 2018 - 12:24

Appena 25 punti separano Jorge Lorenzo da Andrea Dovizioso nella classifica del Mondiale. E’ bastata una sola gara, trionfale, al Mugello per generare il sospetto che il maiorchino possa diventare pilota di punta Ducati nel confronto con la Honda di Marc Marquez. Sarebbe clamoroso, visto che a fine stagione Lorenzo lascerà la Rossa per salire sulla stessa RC213V del rivale. Dovi e Lorenzo non si amavano prima, sono mesi che si parlano dietro a distanza e in pista non si fanno sconti. Figuriamoci adesso. Il settimo round si corre su un tracciato molto favorevole alla Ducati, dove Dovizioso ha vinto un anno fa e Lorenzo è sempre andato fortissimo: un anno fa arrivò quarto in rimonta. C’è aria di guerra in famiglia (qui orari del GP in pista e in TV)

“La vittoria del Mugello ha confermato tutto ciò che credevamo fin dall’inizio della stagione e che ho ripetuto molte volte: non eravamo così lontani dall’essere competitivi e vincenti” gonfia il petto Jorge Lorenzo, decimo in classifica con 41 punti. “Ora abbiamo una chiara linea da seguire e ogni volta mi sento meglio con la mia moto, per cui Montmeló sarà un’altra buona occasione per confermare che possiamo lottare sempre per risultati importanti. Ora che tutti sanno quale sarà il mio futuro per la prossima stagione, posso solo dire di essere totalmente concentrato sul Gran Premio di Catalunya, e che darò il massimo per il Ducati Team con la consapevolezza che la vittoria in Italia ci ha fatto molto bene per il morale. Montmelò è un circuito che amo, è la mia pista di casa, e questo dà sempre una motivazione in più.”
 
Andrea Dovizioso ha detto: “Nelle ultime tre gare ci siamo giocati la vittoria su tre piste completamente differenti e quindi so che stiamo lavorando bene e che siamo veloci. Dobbiamo continuare a stare tranquilli perché in ogni gara succedono tante cose e quindi bisogna essere sempre lucidi per portare a casa il miglior risultato possibile. Nel test di Barcellona, ma anche in quello del Mugello, eravamo stati leggermente più lenti dei nostri rivali, ma in MotoGP è chiaro che il tempo sul giro singolo non è così importante, e quindi andiamo a Barcellona molto carichi e fiduciosi.”

MES Experience a Franciacorta: tutte le info utili

SBK Misano: i biglietti e le offerte disponibili

MXGP LOMBARDIA Qui i biglietti scontati

MXGP Videopass: prezzi e offerte disponibili

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Honda HRC, Alex e Marc Marquez

MotoGP: Alex in Honda HRC, i fratelli Marquez dettano legge ovunque

Johann Zarco a Valencia

MotoGP, Johann Zarco rivaluta la proposta da tester Yamaha

Jorge Lorenzo GP Valencia 2019

MotoGP, Jorge Lorenzo ‘poker face’: “Sono aperto a tutte le occasioni”