MotoGP: Novità nelle procedure in griglia di partenza

La Grand Prix Commission ha apportato alcuni cambiamenti alle procedure riguardanti le moto bloccate in griglia di partenza. Ecco le ultime novità.

13 aprile 2019 - 15:02

La Grand Prix Commission ha preso qualche decisione riguardante le moto che si bloccano in griglia di partenza prima del giro di ricognizione o dopo la partenza della gara. Gli ultimi episodi, in particolare quello che ha avuto come protagonista Quartararo in Qatar, hanno indotto la Commissione a rivedere le regole già esistenti. Ecco le ultime novità riguardanti le procedure da adottare in griglia di partenza.

Attualmente non è possibile cercare di far ripartire la moto in griglia né alla fine del giro di ricognizione né prima della gara. Un pilota che ha bisogno di assistenza deve infatti portarsi in pit lane, ma può usufruire di un “breve periodo” in griglia per cercare di unirsi agli altri. Stesso discorso se la moto si blocca poco dopo la partenza del Gran Premio. Queste regole però hanno creato un po’ di confusione sia nelle squadre che tra i marshals, oltre a sfavorire i piloti che magari non potevano ricevere immediatamente assistenza.

Sono state chiarite quindi le procedure da applicare in queste situazioni, in modo da semplificare il lavoro di tutti. All’inizio del giro di ricognizione una moto ferma in griglia non può essere riavviata in griglia, ma dev’essere spostata immediatamente in pit lane. Se il pilota riesce a ripartire prima che si chiuda la pit lane, allora può unirsi agli altri e scattare dal fondo della griglia. Il discorso vale anche prima della partenza della gara e dopo la stessa, e non si può tornare in griglia finché non saranno completate le procedure.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Graziano Rossi: “Vorrei vedere Valentino correre per sempre”

MotoGP: Ducati che ancora non svolta e il sogno Marc Marquez

MotoGP: Dal 19 al 20 agosto si prova al KymiRing