MotoGP Mugello Prove Libere 1: Valentino Rossi in testa

Segue Jorge Lorenzo, Capirossi e Stoner a terra

4 giugno 2010 - 11:11

Spalla o non spalla, almeno sul giro singolo Valentino Rossi va eccome al Mugello. Nel “suo” circuito, dove ha regnato per 7 anni consecutivi dal 2002 al 2008, si porta subito in testa al termine della prima ora di prove del Gran Premio d’Italia: 1’49″751, unico sotto il muro dell’1’50”, un bel viaggiare e quasi 4/10 rifilati a Jorge Lorenzo, che dalla sua può vantare un passo inavvicinabile anche per lo stesso compagno di squadra. A Rossi la prestazione assoluta, a Lorenzo il ritmo-gara, sintesi estrema per una sessione che dice molto di più per entrambi. Valentino guida bene, si concede anche un’impennata liberatoria davanti alla propria tifoseria della “Poggio Secco”, presenta un’acconciatura rivedibile, ma per quanto espresso al rientro ai box alla spalla destra soffre ancora.

Non ha più di questi problemi Jorge Lorenzo, ed è subito in grado di concretizzare quasi 10 giri sempre sotto l’1’50″5, che tenendo conto di sessione e condizioni del tracciato nel venerdì di attività è un ruolino di marcia impressionante, quasi replicando quanto mostrato tra Jerez e Le Mans. Per il resto, a parte i contendenti al campionato, è tutto in continua evoluzione, con una Yamaha che sembra andar molto bene in Toscana come confermato dal quarto tempo di Colin Edwards e dal sesto di Ben Spies, che scopre il Mugello per la prima volta accusando solo 1″2 da Rossi.

La “sorpresa” è Loris Capirossi, terzo con la Suzuki e spettacolare ruzzolone al seguito alla “San Donato”: stava dando il massimo per ottenere questa prestazione come già gli era riuscito, con l’azzurra GSV-R, nel 2008 conquistando la prima fila dello schieramento. Velocissimo, non è stato l’unico a volare a terra: è successo a Hector Barbera (alla fine 10°), ma soprattutto a Casey Stoner al proprio quarto giro, 8 minuti dopo il semaforo verde, arrivando “lungo” e troppo forte alla “Bucine”. Caduta senza conseguenze con più problemi al rientro ai box, con un continuo lavoro di affinamento della Desmosedici GP10 chiudendo soltanto in settima posizione, con anche Nicky Hayden indietro con la 9° prestazione odierna.

Un pò meglio Dani Pedrosa, quinto con la Honda visibilmente instabile nei cambi di direzione ed un’anteriore a dir poco “migliorabile”, o Andrea Dovizioso in ottava posizione, mentre a completare il bilancio Honda De Puniet è 11° davanti alla coppia Gresini composta da Simoncelli e Melandri, seguendo quest’ordine con “Sic” che può contare su un nuovo cupolino realizzato appositamente dalla HRC. Non bisogna sorprendere nel trovare Mika Kallio e Alvaro Bautista in fondo alla classifica, infortunati malamente a Le Mans tanto da lasciar presagire ad un week-end quantomeno problematico tra antidolorifici e voglia di lasciar perdere. Tutt’altra storia, vita e quotidianeità per l’altro pilota… dolorante, Valentino Rossi: con questo inizio è già chiaro il target di questo fine settimana.

MotoGP World Championship 2010
Mugello, Classifica Prove Libere 1

01- Valentino Rossi – Fiat Yamaha Team – Yamaha YZR M1 – 1’49.751
02- Jorge Lorenzo – Fiat Yamaha Team – Yamaha YZR M1 – + 0.369
03- Loris Capirossi – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 0.608
04- Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.021
05- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 1.022
06- Ben Spies – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.253
07- Casey Stoner – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 1.377
08- Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 1.504
09- Nicky Hayden – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 1.636
10- Hector Barbera – Paginas Amarillas Aspar – Ducati Desmosedici GP10 – + 1.831
11- Randy De Puniet – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 1.854
12- Marco Simoncelli – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 1.966
13- Marco Melandri – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 2.031
14- Aleix Espargaro – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 2.451
15- Hiroshi Aoyama – Interwetten Honda MotoGP – Honda RC212V – + 2.648
16- Mika Kallio – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP10 – + 2.667
17- Alvaro Bautista – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 5.506

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

dovizioso ducati motogp

MotoGP, Stoner: “Ducati non può permettersi di perdere Dovizioso”

MotoGP, Pol Espargaro

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Pol si pentirà di passare alla Honda”

acosta red bull rookies cup

Red Bull Rookies Cup, Austria: Pedro Acosta al fotofinish in Gara 1