quartararo motogp

MotoGP Mugello: Assolo di Fabio Quartararo, che peccato Bagnaia

Fabio Quartararo si impone nettamente al Mugello, vittoria ed allungo MotoGP iridato. A podio Miguel Oliveira e Joan Mir, Bagnaia tra gli incidentati.

30 maggio 2021 - 14:49

Colpi di scena, incidenti inattesi, un pilota solo al comando. Fabio Quartararo non ha rivali tra le curve del Mugello: in poco tempo è al comando ed in fuga, assicurandosi così una strepitosa vittoria ed allungando anche in classifica generale. Segue una rediviva KTM guidata da Miguel Oliveira, che ritorna sul podio resistendo agli assalti del campione MotoGP in carica Joan Mir ed all’ultimo tentativo di Johann Zarco, partito con la moto danneggiata per un incidente in griglia… Qualche dubbio sul podio, ma sia Oliveira che Mir sono passati sul verde: le posizioni, prima scambiate, infine tornano quelle viste in pista. Giornata da dimenticare per Pecco Bagnaia, sfortunato Franco Morbidelli, scivola Marc Márquez, ma non solo. Il resoconto del Gran Premio d’Italia.

Le gomme

Queste le scelte per la corsa all’Autodromo del Mugello, con un paio di cambi dell’ultima ora. Pol Espargaró rivede totalmente le gomme e passa a media-soft, mentre Alex Márquez decide di optare per la morbida posteriore.

Problemi per Márquez e gli italiani

Alla fine del warm up lap c’è il primo colpo di scena: Bastianini colpisce violentemente al posteriore Zarco e cade a terra al momento di schierarsi di nuovo in griglia di partenza. La sua gara non inizia nemmeno… Mentre per gli altri partenza regolare con le Ducati, Quartararo, Oliveira e le Suzuki subito protagonisti. Ecco però un inaspettato incidente da parte di Marc Márquez alla Poggio Secco, con Morbidelli che per questo rischia grosso e finisce largo, perdendo tantissime posizioni. Finale inglorioso per Bagnaia, protagonista di un’inattesa nella ghiaia della Arrabbiata 2: sogni di vittoria rimandati per l’italiano di casa Ducati, ma al Mugello fa male… È però un regalo per Quartararo, che vede andare via uno dei maggiori rivali per la gara ed inizia da subito ad impostare l’allungo in gara.

Fuga Quartararo, Oliveira on fire

L’alfiere Monster Yamaha era più che atteso, ma vale la pena di sottolineare il gran balzo in avanti per KTM. Il nuovo chassis è veramente apprezzato dal duo del team factory, in particolare da Oliveira, che fino dalla partenza occupa stabilmente la zona podio. Zarco mantiene a lungo la seconda piazza, ma il portoghese e le Suzuki incombono… Ricordiamo che il pilota Pramac è partito col posteriore della moto danneggiato per quanto successo in griglia con Bastianini. A referto il quarto zero consecutivo per Rins, che a 4 giri dalla fine vola via nella ghiaia della Bucine. Che peccato anche per Nakagami, stabilmente in top ten e miglior Honda, ma giù alla seconda Biondetti. Fabio Quartararo non ha rivali, ecco che arriva il trionfo con annesso allungo in classifica generale. Miguel Oliveira regala a KTM il primo podio stagionale, che progressi rispetto ai primi 5 GP del 2021! Joan Mir chiude 3°, bravo anche Johann Zarco appena giù dal podio.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

La classifica

Foto: motogp.com

1 commento

walterguzzi
16:14, 30 maggio 2021

ottimo articolo ma l’Aprilia non correva?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi: mani in pasta sul Mondiale, resta il rebus Aramco

alex rins motogp

MotoGP: Alex Rins è diventato papà, ecco arrivato il piccolo Lucas

voight agius cev moto3

Moto3, Paolo Simoncelli conferma Voight e Agius per il CEV 2022