MotoGP Motegi Warm Up: diluvio universale, 1° Stoner

Nubifragio, Stoner rifila due secondi a tutti gli avversari

25 aprile 2009 - 23:47

Lo possiamo dire: qualcuno ha fatto una maledizione. Più che colpire il Motomondiale, l’intento era quello di colpire nel punto più debole la MotoGP degli investimenti e dei piani pluriennali nell’unico aspetto dove non può farci nulla: il meteo. A pochi secondi effettivi dal via del Warm Up a Motegi (portato a 40 minuti per recuperar, a livello teorico, quanto perduto ieri con la cancellazione delle qualifiche ufficiali), un nubifragio si è abbattuto al Twin Ring. Pioggia, pioggia torrenziale, quanto basta per invitare i piloti a braccia conserte ai box. Provano a girare alcuni temerari, che meritano di esser citati: Dani Pedrosa (autore in quel momento del best time in 2’20″497), Toni Elias, Loris Capirossi, Andrea Dovizioso, Sete Gibernau, Niccolò Canepa e Marco Melandri.

In pista rendendosi conto delle situazioni impraticabili del tracciato: non fosse il Warm Up, non si sarebbe scesi in pista con il turno di prove sicuramente cancellato. Condizioni peggiori rispetto a ieri, con i piloti impotenti e indifesi dinanzi alla volontà di Madrenatura. Alla fine tutti provano a girare negli ultimi 10 minuti del turno: svetta Casey Stoner con una prestazione incredibile (2’05″903, 2 secondi a tutti!), ma la preoccupazione per la gara è tanta. Può succedere di tutto con una sfida nella sfida, alla ricerca della previsione metereologica più attendibile e veritiera. A mezzogiorno (locale) dovrebbe smettere: a rischio la 125, non dovrebbe esser così per la MotoGP.

Aspettiamo vedendo una classifica che mostra Stoner davvero imbattibile, capace dopo soli 4 giri percorsi a singhiozzo di dare 2″ a Toni Elias (12 giri per lui!), Yuki Takahashi (ottimo in casa), Alex De Angelis (bene con la Honda Gresini), un ottimo Dani Pedrosa e Sete Gibernau, che si ricorda di esser stato (e forse di esser ancora) uno degli specialisti sul bagnato. Valentino Rossi è 13°, anche lui con soli 4 giri, molto tranquillo nonostante i 5″5 da Stoner: la preoccupazione più grande, ovviamente, è quella se si correrà o meno.

MotoGP World Championship 2009
Motegi, Classifica Warm Up

01- Casey Stoner – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP9 – 2’05.903
02- Toni Elias – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 2.042
03- Yuki Takahashi – Scot Racing Team – Honda RC212V – + 2.321
04- Alex De Angelis – San Carlo Honda Gresini – Honda RC212V – + 2.669
05- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 2.817
06- Sete Gibernau – Grupo Francisco Hernando Team – Ducati Desmosedici GP9 – + 3.266
07- Marco Melandri – Hayate Racing Team – Kawasaki ZX-RR – + 3.963
08- Mika Kallio – Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP9 – + 4.372
09- Andrea Dovizioso – Repsol Honda Team – Honda RC212V – + 4.447
10- Jorge Lorenzo – Fiat Yamaha Team – Yamaha YZR M1 – + 4.815
11- Nicky Hayden – Ducati Marlboro Team – Ducati Desmosedici GP9 – + 5.080
12- Randy De Puniet – LCR Honda MotoGP – Honda RC212V – + 5.412
13- Valentino Rossi – Fiat Yamaha Team – Yamaha YZR M1 – + 5.569
14- Chris Vermeulen – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 5.685
15- Niccolò Canepa – Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP9 – + 6.800
16- Colin Edwards – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 7.266
17- James Toseland – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 13.321
18- Loris Capirossi – Rizla Suzuki MotoGP – Suzuki GSV-R – + 17.155

Alessio Piana

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

aegerter intact gp motoe

Dalla Moto2 alla MotoE, nuova sfida per Aegerter con Intact GP

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “Con Munoz per cambiare metodo di lavoro”

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo perde colpi in pista, ma non su Google