motogp morbidelli

MotoGP, Morbidelli: “Vorrei la positività di Valentino Rossi nei momenti difficili”

Franco Morbidelli alle prese con una bella sfida in questa stagione MotoGP 2021. Cercando sempre di andare oltre le difficoltà tecniche. "Un anno che mi farà crescere molto."

14 giugno 2021 - 17:39

La stagione MotoGP 2021 di Franco Morbidelli certo non è stata facile finora. In sette gare il vice-campione in carica ha collezionato tre piazzamenti fuori dai punti, più un podio da incorniciare ottenuto a Jerez. Da rimarcare che corre con l’unica M1 vecchia di due anni, una bella differenza non solo verso gli altri ma anche comparandolo con gli altri tre colleghi Yamaha. Il campione Moto2 2017 si augura di continuare con la casa dei tre diapason e di avere presto a disposizione lo stesso mezzo dei compagni di marca.

“Il 2020 è stato un’iniezione di fiducia, non sapevo bene cosa aspettarmi” ha sottolineato l’alfiere Petronas SRT. Certo una motivazione extra per questa nuova stagione, prima di scontrarsi con la realtà della sua inferiorità tecnica. “È stato uno shock in Qatar” ha ammesso a motogp.com. “Abbiamo capito subito che era stato fatto un grande passo avanti e che noi non eravamo preparati. Direi poi che quello al Mugello è stato il Gran Premio più duro quest’anno: è difficile lottare quando perdi così tanto sul dritto.”

Arrivando ad accusare sulla pista toscana anche 20 km/h rispetto agli altri. Decimo in griglia, ha chiuso 16° al traguardo. “È il nostro maggior problema, più grande di quanto eravamo abituati a vedere in MotoGP. Non solo non è paragonabile agli altri, ma nemmeno ai miei compagni di marca, un aspetto che penso influenzi non solo la performance, ma anche il mio stile di guida.” In sostanza, “È una sfida difficile a livello di feeling, con gli altri, ma anche con te stesso.” Un’annata complicata, ma che “Mi farà crescere molto.”

Nonostante tutto però ha chiuso ai piedi del podio a Portimao, conquistando poi uno strepitoso terzo posto a Jerez. “Credo di aver realizzato una delle mie migliori gare di sempre in MotoGP” ha sottolineato ‘Morbido’. Che poi parla anche del compagno di box Valentino Rossi. “Ci sono cose che posso sempre imparare da lui.” Come ad esempio “Il suo atteggiamento nei momenti difficili. È qualcosa che ammiro molto e che non sempre mi riesce. Mi piacerebbe avere la sua stessa capacità di rimanere positivo anche nelle situazioni complicate.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

500cc hedemora circuit - motogp

MotoGP, la storia: 1958, il primo GP di Svezia si corre a Hedemora

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, conferenza stampa saudita: Valentino Rossi continua?

taiga hada moto2

Moto2: nuova occasione per Taiga Hada, una wild card in Austria