MotoGP, Franco Morbidelli

MotoGP, Morbidelli-Forcada: assalto al box Yamaha factory

Franco Morbidelli guarda con attenzione a ciò che avviene nel box Yamaha di Maverick Vinales. L'obiettivo è prendere la sua sella nella stagione MotoGP 2023.

4 giugno 2021 - 6:45

Franco Morbidelli approda al GP di Catalunya con 33 punti e il 9° posto in classifica. Se l’assalto al titolo MotoGP 2021 è impossibile, il pilota Petronas SRT può ancora togliersi belle soddisfazioni e ritagliarsi un posto d’onore nel futuro. Perché Maverick Vinales sta riscontrando grossi problemi con la M1, tanto da rendersi necessario il cambio di capotecnico. E Franky, alla pari di ogni pilota satellite, punta al team factory. Ma non prima della stagione 2023, dal momento che il pilota di Roses ha ancora un posto assicurato per il prossimo anno.

Nel week-end del Mugello ha lamentato troppe vibrazioni con la sua Yamaha M1 2019, ma al Montmelò ci sono le basi per poter fare meglio. Intanto guarda con curiosità e attenzione a ciò che accade nel box #12. Vinales è al suo terzo capotecnico  da quando è entrato a far parte della casa di Iwata. Ha iniziato con Ramon Forcada che stava uscendo da un buon periodo con Jorge Lorenzo. Poi è passato ad Esteban Garcia, per una questione di maggior confidenza e respirare un’aria più familiare. In questo round MotoGP debutta il veterano Silvano Galbusera, prelevato dal test team, che già in Toscana si è visto conversare con il predecessore.

Morbido-Forcada accoppiata vincente

Il rapporto con il capotecnico è qualcosa di fondamentale importanza per un pilota MotoGP. Lo sa bene Franco Morbidelli che ha un asso nella manica proprio nel tecnico catalano Ramon Forcada, scartato da Maverick. “Ci sono tanti bravi team manager in questo paddock ed è difficile sapere chi è più bravo e chi meno, non c’è una classifica. La competenza del capo ingegnere si riflette anche nelle prestazioni del pilota e viceversa. È sempre difficile trovare una buona alchimia, ma è fondamentale per progredire e fare bene. Ci sono tante volte in cui potrei non essere al top e Ramon mi spinge a modo suo“.

Il vicecampione MotoGP non ha mai dubitato di Forcada, anzi. In più di una occasione ne ha esaltato le sue doti strategiche. “Non ho mai dubitato di Ramon perché penso che sia il team leader più completo del paddock“. Non era della stessa opinione Vinales, non è andata meglio con Garcia. A Galbusera il difficile compito. E se dovesse fallire, Franky è in agguato per la sua sella.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

salac prustelgp moto3

Moto3: Filip Salac e PrüstelGP di nuovo insieme dal GP di Stiria

Moto3: Snipers Team, addio a Salac. Ad Assen arriva Alberto Surra

MotoGP, Pol Espargaro

MotoGP, Pol Espargarò prova diversamente: “Copierò Marc Marquez”