morbidelli motogp

MotoGP, Morbidelli come Quartararo: “Pressione delle gomme alle stelle”

Franco Morbidelli, un GP difficile per la pressione della gomma anteriore fuori controllo. Lo stesso guaio di Quartararo due round fa. "Dobbiamo capire perché è successo."

9 novembre 2020 - 18:40

“La pressione della gomma era fuori controllo.” Finora l’avevamo sentito dire solo da Fabio Quartararo dopo il GP MotoGP di Aragón. Sfortunatamente anche a Franco Morbidelli è successa la stessa cosa: un ottimo inizio questa domenica a Valencia, poi il guaio alle gomme e l’incapacità di lottare per rimanere nelle posizioni di testa. Chiude con un mesto 11° posto, nonostante tutto miglior Yamaha in un weekend in cui c’è poco da sorridere. ‘El Diablo’ si complica la gara con una caduta dopo poche curve, Rossi finisce KO per guasto meccanico, Viñales ha dovuto dare vita ad una difficile rimonta dalla pit lane.

“Ho accusato lo stesso problema di Fabio di due gare fa” ha ammesso l’ex iridato Moto2 a gara conclusa. “La pressione degli pneumatici è salita alle stelle, non riuscivo a guidare.” Sempre alla gomma anteriore, come accaduto al compagno di box. “In qualche modo però ho gestito la situazione e ho chiuso 11°. Dobbiamo lavorare e capire perché è successo.” Un problema però che lo carica ancora di più per gli ultimi due GP. “Io non mi arrendo mai, farò il punto solo a fine stagione: sono calmo e positivo per natura. Abbiamo chiuso una gara difficile, ma continueremo a lottare fino alla fine.”

Da dire però che ora il divario da Joan Mir è aumentato considerevolmente: Morbidelli si trova in 5^ posizione ma a 45 punti di ritardo, ex aequo con Dovizioso che lo segue. Ma l’obiettivo stagionale può diventare un altro: scorrendo la classifica, Maverick Viñales lo precede di sole 4 lunghezze. Sono solo 8 poi i punti di ritardo che accusa dal compagno di box Fabio Quartararo. Il Mondiale MotoGP è ormai una faccenda che riguarda l’alfiere Suzuki, ma ‘Morbido’ (ricordiamo, l’unico in sella ad una M1 “A-Spec”) ha l’opportunità di chiudere come miglior pilota Yamaha.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Torino Suzuki MotoGP

MotoGP: la maglia celebrativa del Torino F.C. per il Mondiale Suzuki

MotoGP, Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso: la “gabbia” della MotoGP e la libertà del motocross

MotoGP, Joe Roberts

MotoGP, il manager di Joe Roberts: “Aprilia occasione mancata”