FP2 Vinales Yamaha

MotoGP, Misano: Prove 2, Yamaha vs Marc Márquez

Le Yamaha e Márquez sembrano al momento i migliori a Misano. Viñales e Quartararo in testa nelle FP2, Márquez 3°, poi Rossi e Morbidelli.

13 settembre 2019 - 15:07

Seconda sessione di prove libere chiusa con una top 5 completamente occupata dai quattro piloti Yamaha e da Marc Márquez. Al comando c’è Maverick Viñales con un 1:32.775, il miglior giro del fine settimana finora. Seconda piazza per Fabio Quartararo, terzo è il leader iridato a precedere Valentino Rossi e Franco Morbidelli. Da sottolineare Pol Espargaró 6° con la KTM, davanti alla rossa di Danilo Petrucci, l’ultimo ad accusare meno di un secondo di ritardo dal capoclassifica. Foto: Marco Lanfranchi

Secondo turno che comincia con una temperatura di circa 28° C, che tocca quota 41° C sull’asfalto. Marc Márquez si porta subito al comando, autore del miglior giro personale, Yamaha a ruota con Viñales, Quartararo e Morbidelli. Il rookie francese rischia ancora una caduta dopo una frenata violenta alla prima curva, bruciando la possibilità di realizzare un buon giro a circa metà turno. Viñales intanto ha realizzato qualche giro con il telaio in carbonio ed il nuovo doppio scarico, optando poi per il ritorno alle versioni precedenti. Rossi invece è in pista con entrambe le maggiori novità, presenti al momento su una sola M1.

Nei momenti finali del turno spiccano i piloti della casa dei tre diapason. Maverick Viñales e Fabio Quartararo passano davanti a Marc Márquez, ma a seguire ci sono Valentino Rossi e Franco Morbidelli. Il campione in carica chiude quindi circondato dalle Yamaha, ma in top ten combinata (e quindi provvisoriamente in Q2) spiccano anche Pol Espargaró e Michele Pirro, rispettivamente top KTM e miglior Ducati.

La classifica delle FP2

La classifica combinata

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alex marquez

MotoGP: Alex Márquez con LCR Honda nei test a Valencia

johann zarco

MotoGP: Johann Zarco-Ducati, trattative ancora in corso?

Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo in Indonesia per riscoprire la libertà