jack miller motogp

MotoGP Misano-2, Prove 2: È ancora Ducati, stavolta con Jack Miller

Le Ducati dettano il passo anche nelle FP2. Stavolta svetta Jack Miller, che precede Johann Zarco, 3° Aleix Espargaró. Fabio Quartararo ancora lontanissimo.

22 ottobre 2021 - 15:02

Rosse in evidenza al mattino, non si smentiscono nemmeno nel pomeriggio. Nel secondo turno è Jack Miller a stampare il tempo di riferimento non solo delle FP2, ma del venerdì a Misano. Doppietta Ducati con Johann Zarco subito dietro, tris di case italiane in vetta grazie alla Aprilia guidata da Aleix Espargaró. Sorprende invece vedere ancora indietro il leader MotoGP Fabio Quartararo, ben lontano da un’interessante top ten formata in questa prima giornata bagnata. Ecco com’è andata, ricordando anche tutti gli orari del GP.

Prove libere 2

Condizioni in costante miglioramento stavolta rispetto a quanto visto nel turno mattutino, seppur con tantissimi tratti ancora bagnati e ben evidenti lungo il tracciato. Il tempo di riferimento però cambia presto, sempre per opera di una Ducati: stavolta si tratta di Miller, che sopravanza Zarco in classifica combinata, mentre nel corso della sessione precede le KTM di Lecuona ed Oliveira. A referto anche un incidente per Pol Espargaró, mentre continuano le prove di chassis in casa Honda sia per il duo del team factory HRC che per la coppia LCR. Attenzione anche alle Aprilia, più a svariati altri cambiamenti che stravolgono la classifica. Ma Jack Miller tiene la testa della classifica, un 1-2 Ducati con Johann Zarco, terzo è Aleix Espargaró.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

La classifica FP2/combinata

I migliori settori 

Foto: motogp.com

1 commento

FRA 1988
16:11, 22 ottobre 2021

Quartararo è un ottimo pilota ma per diventare completo deve migliorare assolutamente su pista bagnata.
Sono tre stagioni che mostra grosse lacune su asfalto umido.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022