miller bagnaia ducati motogp

MotoGP: Miller-Bagnaia, la ‘scossa’ Ducati può arrivare ad Assen?

Jack Miller e Pecco Bagnaia alla prova di Assen, teatro di bei ricordi per entrambi. Ducati ci ha vinto solo con Stoner. L'obiettivo comune è avvicinarsi a Quartararo.

23 giugno 2021 - 11:59

Motomondiale di scena sullo storico tracciato di Assen, per un evento che chiude la prima parte di stagione MotoGP 2021. Certamente Ducati cercherà di ottenere il miglior risultato possibile, cercando soprattutto di rosicchiare punti importanti al leader Quartararo. Parliamo di un circuito in teoria non troppo favorevole alla rossa, che ha vinto una sola volta con Casey Stoner nel 2008 (hat-trick con pole, vittoria e giro veloce). Ottenendo poi altri podi: sempre Stoner nelle stagioni 2007-2009-2010, Andrea Dovizioso nel 2014, l’allora alfiere Pramac Scott Redding nel 2016, Danilo Petrucci nel 2017.

A questo aggiungiamo che Jack Miller e Pecco Bagnaia sanno cosa vuol dire vincere al TT Circuit Assen. Il pilota australiano ha ottenuto la sua prima vittoria MotoGP nel 2016 (quand’era ancora con Honda), stesso anno in cui l’italiano vinceva la sua prima gara mondiale Moto3 con la Mahindra. Ma l’iridato Moto2 2018 si è ripetuto su questo tracciato anche in Moto2, proprio nell’anno del suo mondiale. Vedremo se l’accoppiata piloti-Ducati porterà i risultati sperati… Anche perché ci si aspetta una sorta di ‘scossa’ da parte del duo del team ufficiale, nel quale vengono riposte tutte le speranze iridate.

“Anche questo fine settimana correremo su una pista che, almeno sulla carta, non è tra le più favorevoli alla nostra moto” ha ammesso Jack Miller. Sottolineando anche che “Le condizioni meteo saranno una variabile molto importante.” Se lo ricorda bene, visto che proprio sul bagnato ha conquistato la sua prima vittoria MotoGP. Come detto, “Sarà l’ultima gara prima della pausa estiva. Farò del mio meglio per avvicinarmi alla vetta della classifica e chiudere bene questa prima parte della stagione.” Attualmente è 3° in classifica generale a -31 dalla vetta.

Non è meno carico Francesco Bagnaia, che vuole lasciarsi alle spalle il Sachsenring. Certo ha chiuso 5°, ma quante difficoltà tra libere, qualifiche ed una partenza non proprio memorabile… Ma di Assen ha decisamente bei ricordi, soprattutto la prima vittoria mondiale, con tanto di tatuaggio del tracciato sul braccio. “È una pista che mi piace molto, particolare, e le condizioni meteo saranno decisive.” L’ultimo podio stagionale finora risale a Jerez, ovvero 5 GP fa. Serve qualcosa di più per tornarci e chiudere al meglio la prima parte di 2021. “Se non fossi partito così indietro avrei lottato per il podio. Ma ci riproveremo questo weekend!”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

Foto: motogp.com

2 commenti

FRA 1988
14:18, 23 giugno 2021

Qatar,Mugello e Barcellona dovevano essere piste Ducati e non hanno conquistato nemmeno un gp.
Per la legge dei grandi numeri potrebbe essere proprio
Assen, con meteo sempre ballerino a regalare gioie
inaspettate.

    Max75BA
    15:25, 23 giugno 2021

    Ultimo gp prima della sosta…Miller deve vincere o comunque precedere il “buon” Fabio e ciò deve valere anche dopo la sosta, oppure addio sogni di gloria, addio titolo!!! Il pilota di punta è Jack, mentre Pecco deve vincere almeno un gp quest’anno…però il prossimo anno M.M. probabilmente sarà al top, brutta notizia per la lotta al titolo (!!!) meno per il motociclismo, vederlo correre è uno spettacolo impagabile.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alessandro zaccone motoe

MotoE, Alessandro Zaccone: addio al campionato, ma è andata bene…

pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: caccia ad un altro colpaccio, stavolta in casa

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Con Valentino Rossi non c’è lavoro di squadra”