Miguel Oliveira a Losail

MotoGP, Miguel Oliveira: “Presto KTM lotterà per il podio”

Miguel Oliveira regala sprazzi di ottimismo in casa KTM. 17esimo a Losail, ma nella gara d'esordio in MotoGP ha tenuto testa a Johann Zarco.

24 marzo 2019 - 11:05

KTM ha iniziato la stagione 2019 in Qatar con una conferma, Pol Espargarò, e una doppia sorpresa, Miguel Oliveira. La casa austriaca si aspettava un adattamento alla RC16 più veloce da parte di Johann Zarco. Invece a stupire è stato il rookie Miguel Oliveira, più veloce dell’esperto francese nelle FP1, nelle FP4 e nelle qualifiche. In gara il portoghese del team clienti Red Bull Tech3 ha tenuto sotto controllo Zarco prima di chiudere a due passi dalla zona punti.

Se un debuttante, alla prima gara, riesce a far meglio di un pilota di esperienza come Johann Zarco, qualcosa non va sul pacchetto moto a disposizione del due volte iridato. Le basse temperature dell’asfalto hanno messo in difficoltà l’ex Yamaha, esaltando invece le capacità di adattamento di Oliveira. Non avere esperienze pregresse su altre MotoGP può essere un vantaggio in certe occasioni. Nelle FP3 distava solo otto decimi dal miglior tempo di Marc Marquez. Sono solo istantanee che non portano a nessun traguardo concreto, né hanno elargito punti. Ma sono primi passi incoraggianti per un rookie che si pone l’obiettivo di crescere ed evolversi insieme alla sua moto.

Il vantaggio di essere un rookie

Una delle carte potenzialmente vincenti di Miguel Oliveira porta il nome di Guy Coulon, ex capotecnico di Zarco, co-proprietario del team Tech3. Il 24enne ha mantenuto la 13esima piazza prima di perdere posizioni nelle fasi finali della gara. Su questo aspetto dovrà lavorare per migliorare la gestione delle gomme. “Certo che è deludente perché abbiamo sognato di fare punti. Gli ultimi sette giri sono stati deludenti“, ha ammesso a Servus TV. “Sapevo di avere una possibilità per fare punti. Ho anche guidato per lungo tempo in zona punti. Penso che questo sia il nostro obiettivo per il resto della stagione: lottare per i punti. Forse anche nella top 10, chissà“.

A Losail ha tagliato il traguardo a poco più di un secondo da Zarco, meno di 4 secondi dalla miglior KTM di Pol Espargarò, ma è in netto vantaggio sul compagno di squadra Syahrin. Non aver provato le sensazioni con una Yamaha può giocare a suo favore, ma è consapevole che l’ascesa verso la top-10 non sarà facile. “Quando ho firmato il contratto, sapevo che si trattava di un nuovo progetto, quindi non mi aspettavo di avere una moto eccezionale“. Con il giusto atteggiamento mentale, arriveranno buoni risultati, in attesa che la moto austriaca compia ulteriori passi avanti. “A volte sono un po’ impaziente, ma dobbiamo stare calmi e capire che KTM vuole vincere, e non finire secondo. È una questione di tempo, i risultati arriveranno“, ha concluso Miguel Oliveira. “La moto migliorerà e sarà possibile lottare per il podio“.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

David Munoz

MotoGP, David Munoz: “Grazie Valentino, farò del mio meglio”

Misano World Circuit: inaugurata Via Marco Simoncelli

can oncu moto3 2019

Moto3: Can Öncü rientra in Giappone