miguel oliveira motogp

MotoGP: Miguel Oliveira “affamato” verso il secondo GP di casa

Miguel Oliveira sta vivendo un 2021 problematico per vari motivi. Ma ora tocca ancora a Portimao, il pupillo di casa vuole essere protagonista.

2 novembre 2021 - 19:52

Addirittura due eventi quest’anno per il pupillo dei tifosi portoghesi. Il primo purtroppo non è andato al meglio (16° al traguardo), ma Miguel Oliveira è determinato ad essere protagonista nella replica di questo weekend. È una stagione MotoGP difficile per KTM, ma lo è anche per lo stesso pilota, che nella seconda parte di campionato ha anche dovuto convivere con una fastidiosa lesione alla mano destra. Misano-2 sembrava il punto di risalita e, anche se c’è stato l’inatteso incidente a 5 giri dalla fine, Oliveira è intenzionato a ripartire da quelle buone sensazioni per fare bene in casa.

“Un’annata difficile. Una prima parte disastrosa, nella seconda ci sono state una serie di piccole problematiche” ha ammesso l’alfiere KTM Factory. Indicando la maggiore difficoltà di inizio stagione nella nuova gomma anteriore. “Abbiamo sviluppato la moto in base ad una certa specifica, ci abbiamo vinto tre gare nel 2020 ed improvvisamente è sparita” ha sottolineato a motogp.com. “Abbiamo quindi dovuto trasformare un po’ tutto il nostro approccio ai GP.” Fino a quella che sembrava una svolta al Mugello, note positive che però sono durate solo quattro gare.

“Ma ho confermato a me stesso che posso fare bene e per più GP” ha rimarcato il pilota/dentista portoghese. “Sono ancora un po’ lontano dal mio vero potenziale, ho ancora molto da dare e tanto da raggiungere.” Non ha però aiutato l’incidente nelle libere in Austria, che ha portato la lesione alla mano destra. Un infortunio con cui ha dovuto convivere per parecchio, limitandolo più di quanto lui stesso si aspettasse. “Abbiamo dovuto affrontare i weekend senza aspettarci troppo, cercando di capire la moto e lavorando sullo sviluppo. Non è stato facile.”

Sottolineando anche che “Mancava qualcosa sia a me che alla moto, eravamo totalmente sconnessi e abbiamo lottato parecchio. È stato il punto più basso della stagione, ora credo sia finito!” Misano-2 gli stava dando ragione, un vero peccato per la caduta visto che il podio era alla sua portata. Ribadisce infine una volta di più la sua grinta. “Non sono arrabbiato, sono affamato di risultati!” Una fame con cui affronterà il secondo GP di casa, sempre con la sua solita freddezza ma determinato ad ottenere un risultato di peso. Con un occhio ottimistico al 2022, pronto a mostrare da subito tutto il suo potenziale.

“58” il racconto illustrato ispirato al mito SIC58,  In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Casey Stoner

MotoGP, Casey Stoner rivela: “Sono interessato alla Yamaha”

MotoGP, Joan Mir

MotoGP, Suzuki ha deciso: non serve un nuovo team manager

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022