MotoGP: Michelin con asimmetriche posteriori per Assen

La MotoGP verso Assen. Michelin si prepara per nuovo impegnativo appuntamento: mescole asimmetriche slick, qualche differenza per le rain.

25 giugno 2019 - 11:05

Siamo all’ottavo appuntamento iridato del 2019 per la MotoGP e Michelin, di scena questo fine settimana sullo storico TT Circuit Assen. Una pista presente nel calendario del Motomondiale fin dagli esordi, conosciuta come l’Università o la Cattedrale delle due ruote. Nonostante le importanti modifiche degli ultimi anni, rimane un tracciato molto apprezzato dai piloti: l’anno scorso proprio qui si è svolto il più intenso ed emozionante GP della stagione.

Si tratta di un circuito molto tecnico, con 12 curve a destra e sei a sinistra. Michelin si prepara portando come sempre tre mescole slick, vale a dire morbida, media e dura. La differenza è rappresentata dalla gomma posteriore, che presenta una struttura asimmetrica con una spalla destra più dura per il maggior numero di curve in questa direzione. Non mancheranno anche le gomme rain, vista l’imprevedibilità del meteo del posto. Soft e media le mescole anteriori, extra-soft e soft le posteriori, con solo quest’ultima dalla struttura asimmetrica.

“Assen è un tracciato estremamente tecnico, da preparare in maniera differente” ha dichiarato Piero Taramasso, Manager Michelin. “La gomma posteriore lavora di più, vista la conformazione delle curve. Tutti i piloti hanno bisogno di un livello di grip costante, essendo anche un tracciato in cui tutti spingono dall’inizio alla fine. Quest’anno abbiamo introdotto una nuova tecnologia per migliorare consistenza e durata. Ci aspettiamo una gara molto combattuta. Anche il meteo variabile potrebbe svolgere un ruolo chiave, ma anche in caso di pioggia ci aspetteremmo un GP particolarmente avvincente.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mir Quartararo MotoGP

MotoGP, Barcellona: Quartararo e Mir a confronto, parlano i grafici

arenas mcphee moto3

Moto3: Albert Arenas e John McPhee, uno zero pesante a Barcellona

MotoGP, Herve Poncharal

MotoGP, Red Bull lascerà Tech3. Poncharal: “Con KTM non cambia nulla”