michele pirro motogp

MotoGP, Michele Pirro: “Bagnaia e la Ducati, gran livello di fiducia”

Michele Pirro si gode il fine settimana MotoGP al Mugello. Ma serve un passo avanti, uno 'scatto', con l'obiettivo di abbassare i suoi tempi.

28 maggio 2021 - 17:25

Un livello sempre più alto, velocità maggiori, la ricerca di qualcosina in più a livello di tempi. Michele Pirro manda in archivio la prima giornata al Mugello con il 15° tempo assoluto, che attualmente lo pone fuori dalla Q2. Ma c’è ancora un altro turno di libere per migliorarsi ed è ciò che il tester Ducati ed ora alfiere Pramac vuole ottenere nella mattinata di sabato. Alla ricerca quasi di uno “scatto” che gli permetta di ridurre sensibilmente l’attuale divario di circa 9 decimi dalla vetta.

Ma certo rimane comunque la soddisfazione di essere parte della griglia della classe regina per questo evento. “La MotoGP è il mio mondo, me la sto godendo un sacco.” Bastano già queste parole per descrivere il suo stato d’animo. Aggiungendo poi che “Il livello cresce ogni anno ed è altissimo, ma sono contento della velocità. È la prima volta che mi trovo in buone condizioni per spingere al limite, in ogni sessione dei test invece il meteo no era dei migliori. Domani però lavoreremo per migliorare i tempi.”

Intanto però al comando della classifica c’è la rossa di Bagnaia. “Non sono riuscito a seguirlo oggi” ha detto Pirro, sottolineando però che “Il suo livello di fiducia con la Ducati è davvero alto. Fin dal Qatar, poi è cresciuto costantemente.” Ma in generale le rosse volano e lui, tassello molto importante del lavoro di sviluppo, non può che essere soddisfatto. “Ducati ha lavorato molto bene” ha rimarcato. Riguardo al GP, “Serve un ulteriore passo avanti da parte mia, di Jack e di Zarco. Domani però sono sicuro che avremo anche un supporto maggiore.”

Ma ammette anche un piccolo ‘limite’ verso i piloti nel Mondiale a tempo pieno. “Il problema di non fare tutte le gare è questo: gli altri affrontano tutto con un’intensità maggiore, io ci arrivo un pelo dopo. Nei test magari giri con un certo ritmo, ma in gara non ti basta: diciamo che serve uno scatto, un click. Vediamo se domani ci riesco.” In particolare, “Questi tempi in passato li vedevi andando verso le qualifiche, adesso già nelle FP2.”

Ma nel frattempo ha piazzato il record in top speed al Mugello: 357,6 km/h, battendo il precedente record di 356,7 stampato da Dovizioso nel 2019. Però non basta per il fine settimana. “Dobbiamo raggiungere di nuovo il record assoluto, già fatto in Qatar” ha sottolineato scherzoso il tester Ducati. “Oggi è arrivato il record al Mugello, ma non possiamo andarcene senza aver rifatto la velocità massima!”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi a 'Striscia la notizia'

MotoGP, Valentino Rossi braccato da ‘Striscia’: staffilata a Marc Marquez…

Moto2 Supersport

Moto2, Baldassarri pronto a lasciare e approdare in Supersport con MV?

Valentino Rossi

Tavullia in subbuglio per Valentino Rossi: via striscioni e stendardi