MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Vinales: un simulatore speciale prima dei test

Maverick Vinales si prepara al simulatore in vista del primo test MotoGP a Sepang. Il 20 febbraio scenderà in pista a Jerez con una Yamaha stradale.

11 gennaio 2021 - 16:21

Mentre gli altri piloti MotoGP residenti in Andorra si sbizzarriscono sulla neve, Maverick Vinales lavora al simulatore. Il pilota della Yamaha factory sta testando le sue condizioni fisiche su un simulatore di biomeccanica, l’unico dispositivo del suo genere in Europa. Realizzato dall’Institut Catala del Peu, misura il carico nelle zone di frenata, la posizione del corpo del pilota e lo sforzo fisico. Questo particolarissimimo dispositivo è formato dal telaio di una Yamaha 600 Supersport, che si muove tramite idraulica ed è collegato elettronicamente a un simulatore di pista.

La prossima settimana Maverick Vinales sarà impegnato a Jerez per un test privato in sella ad una Yamaha stradale. Sarà la sua prima uscita su pista in vista del test ufficiale MotoGP in programma a febbraio in Malesia. L’alfiere spagnolo va alla ricerca del riscatto dopo una stagione 2020 deludente. “È stato un disastro totale, per me la peggiore stagione in carriera . È difficile da digerire“. In occasione dell’Epifania ha scherzato sui social inviando una lettera ai Re Magi, un messaggio criptato per la casa di Iwata. “Cari Tre Re Magi, per questo 2021 vi chiedo di inviarmi la migliore moto Yamaha della storia. Cordiali saluti, Maverick“.

Nell’ultimo campionato MotoGP, alla pari degli altri piloti factory, ha lamentato problemi di grip al posteriore. A Valencia ha dovuto persino partire dalla pit-lane per aver usato un sesto motore. Nel 2021 avvertirà maggiore pressione per la presenza di Fabio Quartararo ai box, con Franco Morbidelli che spinge dalle retrovie per un posto nel team ufficiale. Quindi si prospetta un anno cruciale per il suo futuro in Yamaha.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Lucio Cecchinello team manager LCR Honda

MotoGP, Lucio Cecchinello: da pilota vincente a manager di successo

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo e la responsabilità di sostituire Valentino Rossi

nieto bertin zolder - motomondiale

MotoGP, la storia: l’unico Gran Premio del Belgio a Zolder