MotoGP, Maverick Vinales e Valentino Rossi

MotoGP, Maverick Vinales: nuova staffilata a Valentino Rossi

Maverick Vinales ritorna in pista nel primo test MotoGP 2021 a Losail. Sarà la sua prima volta ai box senza Valentino Rossi.

6 marzo 2021 - 8:29

Il team Yamaha factory stamane apre le porte del box in vista del primo test MotoGP 2021. Sarà la prima volta senza Valentino Rossi dal 2004 ad oggi (con l’eccezione del biennio Ducati), cambia l’atmosfera politica e le linee guida per l’evoluzione della YZR-M1. Maverick Vinales e Fabio Quartararo formeranno la nuova coppia d’attacco del team orchestrato da Lin Jarvis e Maio Meregalli, l’obiettivo resta invariato: vincere il titolo mondiale. Non ci si può nascondere dietro alibi, la casa di Iwata chiede di ritornare al suo vecchio splendore. A patto che i suoi tecnici siano riusciti ad apportare le necessarie modifiche per colmare certe lacune.

Il ruolo di “prima donna” adesso spetta a Vinales che, nel giorno della presentazione ufficiale, ha valutato positivamente l’addio di Valentino Rossi. Più che altro per equilibri di potere, in quanto sull’evoluzione pare che neppure il veterano di Tavullia sia stato ascoltato dagli ingegneri. “Se vogliamo riportare la Yamaha al vertice, dobbiamo lavorare insieme. Devi parlare chiaramente e dire la verità direttamente e, per così dire, senza politica – ha rimarcato Maverick a Motorsport.com -. Questo è importante per allineare le cose nella stessa direzione e crescere“.

Maverick Vinales 2.0

Stavolta il riferimento all’ex compagno di box è indiretto ma non troppo velato. “È importante che Fabio abbia le mie stesse sensazioni, perché in questo modo la squadra non dovrà andare in due direzioni diverse. Quello che dobbiamo fare è credere in noi stessi, nel nostro materiale, spingere la Yamaha a lavorare su un unico piano, non su due, tre o quattro“. Parole da leader quelle di Maverick Vinales che adesso esigono risultati immediati. O forse discorsi che spingono a crearsi alibi per eventuali ulteriori risultati deludenti. Da aggiungere, inoltre che psicologicamente il pilota di Roses è crollato in certo momenti clou… “Quando non capisci cosa sta succedendo con la moto, è molto difficile mantenere la calma“.

Da oggi si ritorna in pista per il primo test MotoGP prestagionale. Diversi gli aggiornamenti da provare, un week-end intenso prima del secondo appuntamento in programma dal 10 al 12 marzo. Adesso Maverick Vinales avrà il compito di fare da traghettatore nell’era post Valentino Rossi. “La cosa difficile sarà preparare la moto per il resto della stagione, ma cercheremo di fare in modo che tutto vada bene“. Si comincia su un tracciato solitamente favorevole alle Yamaha, quindi partire con il piede giusto sarà quasi un diritto. Ma ancora una volta dovrà guardarsi le spalle dal team satellite…

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

Max75BA
19:05, 6 marzo 2021

…un paio di volte è arrivato terzo nel mondiale e nonostante ciò non ha mai convinto appieno, non è riuscito a strappare sul campo la leadership tra i piloti Yamaha…anzi nell’ultimo biennio i piloti non ufficiali hanno mostrato più qualità e risultati migliori…ha patito nel box una leggenda sul viale del tramonto vedremo se saprà farsi valere sul nuovo compagno, decisamente emergente…pur essendo un classe 95 quest’anno se non fa un deciso salto di qualità potrebbe diventare un gregario in Yamaha

Makiland
18:44, 6 marzo 2021

Vigna … dàmmi retta, scornarsi con VR è una pessima idea … ti cancellerà, magari non in pista, ma cisono altri modi … Se fossi in te correrei per lui … CAPITO ?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Stefan Bradl: “Stupido l’atteggiamento di Jorge Lorenzo”

motogp ducati

MotoGP: Ducati, che inizio! Ora si può davvero sognare in grande?

alessandro zaccone motoe

MotoE, inizio “italiano” a Jerez. Zaccone: “Quest’anno ci divertiremo”