MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Viñales: “Nei test Andrea Dovizioso si è nascosto”

Maverick Viñales ancora in pausa dopo l'infortunio. In attesa dell'inizio del campionato MotoGP parla dei test invernali: "Andrea Dovizioso si è nascosto".

20 marzo 2020 - 19:15

Maverick Viñales ha riportato un lieve infortunio durante una sessione di allenamento in motocross. I medici gli hanno prescritto due settimane di riposo prima di riprendere gli allenamenti. Sono in molti a pensare che lo stop della MotoGP abbia penalizzato lo spagnolo della Yamaha più degli altri. Protagonista assoluto nei test invernali, ha trascorso un paio di mesi a Doha dove si è potuto allenare anche sul tracciato di Losail.

Senza  una data certa per dare inizio alla stagione MotoGP la preparazione atletica procederà un po’ “alla cieca”. Nessuno arriverà al top delle condizioni al primo Gran Premio, che potrebbe esserci non prima della prossima estate. Inoltre la concentrazione delle gare in una parentesi di tempo ristretta, costringerà ad uno sforzo fisico non trascurabile. “Penso che sarà un Mondiale diverso, quindi dobbiamo essere vigili e prenderlo in modo molto positivo“. Maverick Viñales prova ad ammazzare il tempo con la TV, in attesa di poter tornare quantomeno in moto. “Ora siamo in un momento in cui davvero non facciamo nulla. Essere semplicemente a casa, organizzare quattro cose… e la verità è che non possiamo fare molto da casa”.

VINALES: “YAMAHA, LAVORA SUL MOTORE”

Fortunatamente la caduta in motocross non ha causato conseguenze gravi. Dopo essere scivolato su un tratto di pista fangoso ha urtato la schiena con il terreno in modo violento. Da lì la corsa in ospedale, dove non gli hanno riscontrato fratture. “Al momento funzionerà alla cieca. Perché non sapendo quando inizierà il Mondiale lavoriamo alla cieca. Inizierò da zero. La prima gara sarà come una prova, perché dopo così tanti mesi senza salire in moto, tutto cambia e non arrivi al massimo“. Maverick Viñales conta di perfezionarsi ulteriormente in frenata, dove ritiene di avere ampio margine di miglioramento. Nell’attesa spera che Yamaha riesca ad apportare qualche modifica al motore. “Abbiamo bisogno di un po’ più di potenza… Nessuno ha sigillato i motori e le fabbriche hanno ancora la possibilità di migliorare un po’ di più”.

I risultati dei test sono da prendere con le pinze, secondo Viñales in molti si sarebbe nascosti. “Molti non danno il massimo. È difficile trarre una conclusione. Ad esempio, ho visto i tempi di Dovizioso, poi ho visto che il ritmo era eccezionale e ho detto: “Si sta nascondendo”, perché aveva un ritmo spettacolare. Ma si vedrà in gara”. Non vede l’ora di ricominciare il pilota Yamaha, ansioso di capire se riuscirà a dare l’assalto al titolo MotoGP. “Ci penso ogni giorno. Sono soddisfatto e penso di lavorare sulla strada giusta. Quindi voglio davvero spingere sul gas quanto prima“.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

brad binder ktm motogp

MotoGP, Brad Binder: “Test Misano? All’inizio mi sentivo perso”

Valentino Rossi a Misano

Valentino Rossi ritorna sulla Ferrari GT3: “Che bello risalire sulla Bestia”

syahrin moto2

Moto2, Hafizh Syahrin: “Devo lavorare sui miei punti deboli”