MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Vinales: l’idea del ritiro per “vergogna”

Maverick Vinales ha toccato il fondo nell'ultimo week-end MotoGP al Sachsenring. L'alfiere Yamaha ha pensato di ritirarsi dalla gara in anticipo.

23 giugno 2021 - 8:35

Prossima tappa MotoGP in Olanda, Maverick Vinales ha urgente bisogno di dare una sterzata al suo campionato. Al Sachsenring ha toccato il fondo chiudendo all’ultimo posto, mai aveva raggiunto livelli così bassi. La Yamaha M1 avrà sicuramente qualche deficit tecnico, soprattutto quando non si parte dalle prime file, ma qui il problema è anche psicologico. Il pilota di Roses ha sempre sofferto di alti e bassi mentali, sostituire Esteban Garcia a stagione in corso ha quasi il sapore di un’ultima possibilità imposta dall’alto. Non certo una bella situazione per chi cerca serenità all’interno del box.

Difficoltà di trazione e nei sorpassi, problemi che si trascina dietro dalla sua prima annata con Yamaha. Ma l’arrivo di Fabio Quartararo rompe ogni alibi, non ci sono più scusanti. “C’è davvero un grosso problema dalle mie parti. Vedremo se sarà risolto o meno. Un disastro, un disastro“, ha confessato Maverick Vinales a DAZN dopo l’ultimo week-end di MotoGP. “Di chi è la responsabilità? Non lo so, vedremo. Dico ogni giorno lo stesso alla Yamaha, il problema con la moto, lo ripeto da tre anni. Speriamo che venga risolto presto“.

Maverick ha ammesso di essersi “vergognato” di correre in ultima posizione. Tanto da pensare ad un ritorno ai box anticipato. “Non sono rientrato nel box perché era proprio un peccato“. 30 giri senza mai avere la possibilità di superare un avversario. Davanti a lui il collega di marca Franco Morbidelli, con una M1 del 2019. La classifica non è ancora allarmante: Vinales è sesto con 75 punti, ma il gap da Fabio Quartararo è lievitato a 56 punti. L’ultima vittoria risale alla gara d’esordio in Qatar, poi un vuoto quasi inspiegabile. E l’arrivo di Silvano Galbusera non basterà forse a risollevare questa stagione MotoGP che potrebbe segnare il suo futuro contrattuale.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

Foto: Getty Images

3 commenti

Anonimus
14:11, 23 giugno 2021

L’essere troppo orgoglioso non lo porterà da nessuna parte

FRA 1988
11:02, 23 giugno 2021

Vinales ha avuto una parabola discendente netta e inesorabile. Dopo la buona annata con Suzuki e il debutto boom con la Yamaha uff( 2017) sembrava destinato ad essere l’uomo giusto per contrastare Marquez. Poi sono iniziati i guai alla moto,ma più in se stesso e al suo modo di correre.
Non sembra nemmeno sudato a fine gara quasi fosse
distaccato da quello che fa. Secondo me dovrebbe valutare un anno sabbatico per concentrarsi su se stesso e sulla motivazione di competere.

Max75BA
9:42, 23 giugno 2021

Se concluderà il campionato dietro al suo compagno di squadra (al debutto nel team ufficiale) si merita la “sostituzione” con Morbido.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp austin cota

MotoGP, il circuito di Austin ed i lavori necessari per il GP 2022

MotoGP: arriva la Suzuki GSX-RR del titolo 2020… in miniatura

Jorge Lorenzo MotoGP

Jorge Lorenzo: test con la Porsche GT3, mano tesa a Valentino Rossi