MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Vinales cambia ancora: modifiche nel suo box

Maverick Vinales punta al titolo MotoGP e, per costruire un gruppo vincente, decide di licenziare il suo manager Paco Sanchez.

18 luglio 2020 - 10:53

Maverick Vinales continua a cambiare la squadra nel tentativo di puntare al titolo MotoGP. Il pilota di Figueres già l’anno scorso ha apportato modifiche al suo staff rompendo il rapporto con il capotecnico Ramon Forcada. Al suo posto una vecchia conoscenza come Esteban Garcia, i risultati sembrano avergli dato ragione. Per la stagione 2020 e le prossime in Yamaha, dopo il rinnovo fino al 2022, ci saranno ulteriori cambiamenti.

Durante la stagione 2020, i team MotoGP hanno dovuto ridurre il numero di persone che lavorano nel box. Maverick Vinales ha anche ridotto il suo gruppo di lavoro. Quest’anno Alex Salas non farà parte della sua squadra, il suo assistente personale. Ma i cambiamenti non finiscono qui, poiché ha deciso di dimettere anche il suo manager e avvocato Paco Sánchez. Grandi manovre che a suo dire sono necessarie per costruire “un gruppo più forte e più unito“. Uno solo l’obiettivo: diventare campione del mondo. “Alla fine abbiamo preso una strada diversa. Penso di avere più potenziale, devi cercare di trovare il massimo, posso dare molto di più. Cerchiamo di realizzare un gruppo più unito, più forte“.

Ad oggi i risultati sembrano premiare tutti i suoi sforzi. Yamaha gli ha rinnovato il contratto con largo anticipo, blindando il suo giovane atleta prima che cedesse alle tentazioni Ducati. Gode inoltre della massima fiducia, i tecnici hanno seguito soprattutto i suoi feedback nell’evoluzione della YZR-M1. Forse non a caso è l’unico pilota Yamaha a non accusare problemi nelle prime uscite in MotoGP a Jerez. Con un prototipo che lamenta qualcosa in termini di top speed, bisogna sfruttare la percorrenza in curva e le prestazioni sul giro. La partenza in prima fila diventa imprescindibile per dare l’assalto al podio. Sul circuito andaluso la potenza non svolge un ruolo primario. Iniziare con un bottino pieno sarebbe importante per intravedere la vetta iridata.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi a Brno

MotoGP, Valentino Rossi: “Piloti Yamaha fortissimi tranne me”

bagnaia motogp

MotoGP: Francesco Bagnaia operato, obiettivo rientrare a Misano

zarco motogp

MotoGP: Johann Zarco, unica luce Ducati nel sabato a Brno